cerca

Chi si intesta i “gilet gialli”

Si annunciano proteste dure a Parigi, i populisti vogliono strumentalizzare

8 Dicembre 2018 alle 06:00

Chi si intesta i “gilet gialli”

I gillet gialli hanno promesso il “IV Atto” della loro mobilitazione contro il caro-benzina a Parigi (Foto LaPresse)

Lunedì, il presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, non sarà a Marrakech per firmare di persona il Global compact sulle migrazioni promosso dall’Onu: al suo posto, verrà mandato il sottosegretario agli Esteri, Jean-Baptiste Lemoyne. La scelta di annullare il viaggio, e dunque di restare a Parigi, è un messaggio lanciato dall’inquilino dell’Eliseo ai suoi concittadini: voglio restare qui, vicino a voi, perché potrebbe essere uno dei fine settimana più cupi della storia della Quinta Repubblica.

 

I servizi segreti, infatti, sono molto preoccupati per quello che potrebbe accadere nella giornata di sabato, quando i gilet gialli scenderanno nelle strade della capitale francese per il “IV Atto” della loro mobilitazione contro il caro-benzina. “Potrebbero circolare armi da fuoco”, ha detto venerdì il portavoce dell’esecutivo, Benjamin Griveaux, poche ore dopo le inquietudini manifestate dall’Eliseo su una possibile convergenza a Parigi di movimenti estremisti di destra e di sinistra, intenzionati a “distruggere tutto e a uccidere”. Per questo motivo, durante il Consiglio dei ministri di mercoledì, Macron ha invitato le forze politiche, sindacali e imprenditoriali a lanciare un appello alla calma e a mettere da parti gli antagonismi per rispetto delle istituzioni della République.

 

Ma ha denunciato anche “il silenzio colpevole” e “l’opportunismo” di coloro che soffiano sul fuoco, cavalcando la rabbia dei gilet gialli per tornaconto elettorale. Era chiaro il riferimento a Marine Le Pen (Rassemblement nationale), Laurent Wauquiez (Les Républicains) e Jean-Luc Mélenchon (France insoumise), che in questi giorni di tensione non hanno mai smesso di ammiccare con il movimento. I primi due fanno campagna contro il Global compact, uno dei motivi di rabbia dei gilet gialli, alimentando la retorica dell’“invasione organizzata” di immigrati. Il terzo, su Bfm.tv, dice addirittura che il suo “programma” si trova “nelle piazze con i gilet gialli”. Tutti cercano di offrire una vernice ideologica a un movimento che di idee chiare ne ha ben poche, maramaldi populisti che approfittano di un presidente in difficoltà per compensare la loro assenza di visione.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lorenzo tocco

    lorenzo tocco

    10 Dicembre 2018 - 16:04

    Ma che maramaldi e maramaldi. Frou frou Macron si è cacciato da solo nel ginepraio in cui si trova, con la sua prosopopea e supponenza. E cosa che conta, ha contro l'80% dell'opinione pubblica nonché perfino Les Republicains, che all'inizio lo sostenevano. Sembrava così facile fare l'europeista a parole e il sovranista e nazionalista nei fatti, chiedere frontiere aperte ai clandestini, ma solo negli altri paesi (cioè in Italia). Perfetto esponente della gauche kérosène, non sa nemmeno come si vive in provincia. In cui fra l'altro, sentendo alcune interviste ai gilet gialli, i problemi sono gli stessi nostri. Se avessimo una coesione nazionale come l'hanno i francesi noi, che abbiamo ancora le accise per la guerra d'Abissinia, avremmo dovuto ribellarci da almeno 30 anni.

    Report

    Rispondi

Servizi