Erdogan minaccia "schiaffi ottomani" in faccia agli alleati

La Turchia lancia due sfide, una a Cipro e l’altra contro gli americani in Siria, dopo anni di retorica dura

Erdogan minaccia "schiaffi ottomani" in faccia agli alleati

Foto LaPresse

Milano. “La Turchia vuole eliminare qualsiasi problema dalle proprie relazioni con i vicini”, scriveva sul suo sito il ministero degli Esteri di Ankara. Erano gli anni in cui la diplomazia turca era guidata da un fidato alleato del presidente Recep Tayyip Erdogğan: Ahmet Davutogğlu capo della diplomazia turca dal 2009 al 2014, uscito di scena nel 2016 tra voci di screzi con il leader.    Se già nel 2013 Foreign Policy si chiedeva come la Turchia fosse passata da “zero...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Giovanni

    15 Febbraio 2018 - 20:08

    Cosa aspetta l'Europa a dotarsi di forze armate unitarie? Pochi europei sono a conoscenza del fatto che i paesi UE singolarmente presi spendono per le loro forze armate cifre non indifferenti. Cifre che se si sommano sono quasi pari a ciò che spendono gli Stati Uniti per il loro apparato militare. Singolarmente non facciamo paura a nessuno ma se ci unissimo diventeremmo una grande potenza.

    Report

    Rispondi

  • robyv73

    15 Febbraio 2018 - 17:05

    Come è possibile che questo dittatore fanatico che compra armi dalla russia ed ammazza i Curdi, che sono gli unici alleati che ha l’occidente In medio oriente a parte Israele, faccia ancora parte della NATO? Quanti segreti avrà già passato ai suoi amici Russi ed Iraniani?

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    15 Febbraio 2018 - 12:12

    Il comportamento del sultano antidemocratico Erdogan sta passando il segno da tempo, ma il solito pavido Occidente sta a guardare e lo finanzia anche per le vicende dell'immigrazione.

    Report

    Rispondi

    • tamaramerisi@gmail.com

      tamaramerisi

      15 Febbraio 2018 - 19:07

      Da quando al posto di quell'arrrogante di Obama c'è Trump (incommensurabile passo avanti, un ritorno al futuro !) l'Occidente non sta a guardare affatto! Di Churchill dicevano tutti pesta e corna, che era un ubriacone, un incapace, che trattava male tutti, che non ci capiva un'acca di diplomazia, che avrebbe causato (sic!!) una guerra non necessaria.... Se non fosse stato per lui non esisterebbe piu un ebreo, non esisterebbero nè l'Europa nè la Nato, e probabilmente nemmeno un Papa. Trump non sarà Churchill, forse, ma Erdogan sta esaurendo la sabbia nella clessidra. A meno che l'internazionale liberal non riesca a indebilire il Governo Statunitense. Vedremo. Io dico ancora GRAZIE agli americani che hanno eletto Trump. Sforzandomi di continuare a leggere gli articoli di Ferraresi.

      Report

      Rispondi

Servizi