Cosa succede alla piattaforma Eni bloccata nel Mediterraneo

Perché la nave Saipem trattenuta dalla Turchia a Cipro è una pedina nella “guerra del gas”

Perché il giacimento di Zohr spiega il medio oriente

Foto di Revol Web via Flickr

Roma. Il Mediterraneo orientale è sull’orlo di una crisi regionale per il gas? Difficile dirlo, ma la mossa della marina turca di bloccare la nave Saipem 12000, una nave da perforazione noleggiata dall’Eni e diretta nelle acque offshore di Cipro per supportare le attività di trivellazione di Eni nell’area sta creando uno stallo geopolitico dalle conseguenze imprevedibili. “Non ci aspettavamo che accadesse perché siamo assolutamente molto dentro l’Economic zone di Cipro”, ha detto l’ad Claudio Descalzi. Solo qualche giorno fa...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi