In un medio oriente sempre più monocolore

E' Israele il paradiso delle fedi, Gerusalemme il suo cuore

Ovunque si cacciano i cristiani, muoiono antiche fedi sincretiste e i siti religiosi (anche musulmani) sono in pericolo. Dallo stretto di Gibilterra al Golfo persico esiste un solo rifugio spirituale: lo stato ebraico

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

E' Israele il paradiso delle fedi, Gerusalemme il suo cuore

La capitale di Israele è l’unica città dal Nordafrica all’Asia minore dove vivono e pregano ebrei, cristiani e musulmani (i non ebrei costituiscono un quinto della popolazione) (foto LaPresse)

A fine novembre, lo sceicco Mowafak Abu Tariff, capo spirituale dei drusi in Israele, si è incontrato con il comandante della divisione nord dell’esercito israeliano, Yoel Strick. Hanno stretto un accordo: se i terroristi islamici di al Nusra avessero tentato di prendere i villaggi drusi nel Golan siriano, l’esercito con la stella di Davide sarebbe intervenuto per prevenire un altro massacro. Un’autobomba aveva appena ucciso nove fedeli di questo antico sincretismo religioso e filosofico. E nel 2015 venti drusi, tra...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tenen314

    19 Dicembre 2017 - 12:12

    Il mondo va incontro ad un aumento della popolazione totale che porterà con sé giganteschi problemi di alimentazione, sanità, scolarizzazione. Per risolvere questi problemi occorreranno tutte le risorse della moderna scienza e tecnologia, alle quali gli ebrei hanno dato e continuano a dare un contributo fondamentale. Il contribuito di tutta la umma islamica a scienza e tecnologia è oggi quasi insignificante. Basta contare i premi Nobel per discipline scientifiche vinti da musulmani (2) e quelli vinti da ebrei (più di 200). Poiché i musulmani nel mondo sono 100 volte più degli ebrei, se ne deduce che la probabilità che un ebreo vinca un premio Nobel scientifico è 100x100=10.000 (diecimila) volte maggiore della probabilità che lo vinca un musulmano. Difendere Israele contro la minaccia dei paesi islamici significa quindi garantire all'umanità una fonte ineguagliabile di intelligenza, originalità, inventiva, essenziali per affrontare il futuro di tutti (anche quello dei paesi islamici !).

    Report

    Rispondi

  • Rami rami

    18 Dicembre 2017 - 16:04

    Sbagliano di grosso coloro che pensano che stare dalla parte dei palestinesi sempre e comunque potra salvarli dall avanzata islamica in Eurabia Israele è l’ultimo baluardo dì realtà è giustizia, proteggere Israele vuol dire proteggere la natura giudaico/cristiana della nostra cultura. Non pormettete di riscrivere e di falsare la storia perché alla fine i conti si faranno sempre con la Verità. Per questo e per sempre io sto con Israele

    Report

    Rispondi

Servizi