cerca

editoriali

L’eurobond dei furbi

L’Italia chiede soldi ai tedeschi, meglio ammetterlo con onestà intellettuale

2 Aprile 2020 alle 06:05

L’eurobond dei furbi

foto LaPresse

La prima cosa da fare, quando si pretende ascolto e comprensione da un paese alleato, è evitare di considerarlo sciocco, o di accusarlo di colpe che non ha. Luigi Di Maio, che pure sarebbe ministro degli Esteri, continua invece a blaterare contro inesistenti vincoli europei. “Abbiamo detto agli altri stati membri che l’Italia spenderà tutti i soldi necessari per dare aiuto ai nostri cittadini, non è questo il momento di tener conto di parametri, scartoffie e burocrazia”, ha dichiarato venerdì...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    02 Aprile 2020 - 08:50

    È la solita musica ! Quella di apparire di avercelo duro , di bosssiana memoria. La differenza , però sta, nelle origini dei politici richiamati . Gli attuali due governanti sono del sud Italia, quello passato della gridata secessione del nord Italia. Nella sostanza ,si potrà dire che gli italiani sono tutti uguali , cioè tentano sempre ad essere più furbi degli altri,, ma sul piano mediatico , a me sembra che Bossi raccogliesse più credibilità.

    Report

    Rispondi

Servizi