cerca

La locomotiva che cresce fa bene all’Europa

L’ottimismo sui dati del pil tedesco e la doppia incognita, America e Cina

16 Maggio 2019 alle 06:00

La locomotiva che cresce fa bene all’Europa

Angela Merkel (foto LaPresse)

Rispetto a quello che l’economia tedesca potrebbe fare, una crescita del pil dello 0,4 per cento nel primo trimestre 2019 potrebbe sembrare poca roba, ma è il segno che la Germania potrebbe essersi lasciata alle spalle lo spettro della recessione (-0,2 per cento nel secondo trimestre 2018, seguìto da due stagnazioni nel terzo e quarto trimestre). Il governo di Berlino ha tagliato le stime di crescita due volte in pochi mesi: nei giorni scorsi il ministro Peter Altmaier ha annunciato che nel 2019 il pil crescerà dello 0,5 per cento, la metà rispetto a quanto previsto a gennaio (1 per cento) e ancor meno dell’1,8 stimato a ottobre. In più i tedeschi si stanno aprendo a un dibattito – per ora di stampo puramente accademico – che mette in discussione il dogma del pareggio di bilancio, segno che è in atto un’ampia riflessione su come far ripartire la “locomotiva d’Europa”.

 

L’economia della Germania si mostra resiliente – come prova il fatto che il risveglio del primo trimestre è sostenuto soprattutto dai consumi interni e dagli investimenti in edilizia, a differenza dell’Italia che vede il suo fatturato industriale tornare a crescere solo grazie alla domanda estera – ma deve fare i conti con fattori esogeni come un imprevisto conflitto commerciale tra Stati Uniti e Cina. “L’impatto sulla Germania è superiore alla media, poiché l’economia di esportazione tedesca dipende in modo particolare dalla crescita dei mercati emergenti e della Cina”, dice Flossbach Von Storch, il centro studi di una delle maggiori società d’investimento tedesche. Ma l’esposizione della Germania alla guerra dei dazi è duplice perché l’industria automobilistica – settore trainante dell’economia – potrebbe essere colpita in modo diretto se la Casa Bianca dovesse dare il via ai rincari tariffari sull’importazione di prodotti in acciaio. Già da tempo obiettivo del presidente Trump è il surplus della bilancia commerciale tedesca che potrebbe arrivare alla resa dei conti, soprattutto in mancanza di quel negoziato bilaterale tra Stati Uniti e Ue più volte paventato ma mai avviato. Una condizione che sembra creata apposta per tenere la Germania sulla corda.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi