cerca

I dati sul lavoro e le proteste a Hong Kong

Idee e spunti per sapere quello che succede nel mondo selezionati per voi da Giuseppe De Filippi

1 Luglio 2019 alle 18:40

I dati sul lavoro e le proteste a Hong Kong

Continuano le proteste a Hong Kong (foto LaPresse)

Pronti? Stasera la conversazione potrebbe essere intensa a partire dall'andamento del mercato del lavoro. Tutti sorpresi dai dati positivi. E tutti anche contenti ma ugualmente interessati a capire. Cominciamo però inquadrando i numeri di oggi.

 

Nelle piccole e medie imprese si parla di record registrato a maggio.

 

Salgono gli occupati, ma guardate bene nella semplicissima presentazione dell'Istat. A salire, in termini di occupazione, è la classe di età maggiore dei 55 anni. Vuol dire che l'unico provvedimento davvero di impatto e rivendicato con orgoglio soprattutto da Salvini, ovvero Quota 100, va in direzione contraria alla tendenza più virtuosa del mercato del lavoro. E quando avrà anche evidenza statistica, con l'effettivo pensionamento dei circa 200 mila aventi diritto, i numeri dell'occupazione andranno a ripiegare a meno di uno scatto delle altre coorti di lavoratori (come in statistica si chiamano le classi di età). A rovescio si può dire che questo effetto visibile è un portato, di lungo periodo, della legge Fornero. Non ancora scalfita da Quota 100 la riforma del governo Monti continua a produrre effetti e a rendere numeroso il gruppo di lavoratori con più di 55 anni di età. Altra osservazione che potete fare, e che è coerente con la precedente, è che, in un'economia che non cresce, con il pil fermo nel 2019, all'aumento dell'occupazione non può certamente essere associato un aumento della produttività né dei salari. Quindi, per fare la stessa torta, ora ci sono, come dire, più pasticceri, ma la distribuzione delle fette di torta, con questo andazzo, sarà sempre meno soddisfacente. Ecco, vedete nel quadro (più aggiornato rispetto all'Istat) del centro studi Confindustria come gli indicatori dell'economia e del settore produttivo indichino stagnazione e prospettive negative. In questo quadro l'aumento dell'occupazione soffre, chiaramente, dei limiti appena segnalati e che nel medio termine potrebbero essere anche più gravi del previsto.

  

Intanto l'Europa rinvia la decisione sulla nuova guida della Commissione, ma Timmermans sembra destinato a farcela, anche se con fatica maggiore e con qualche cambiamento nei contrappesi interni alla maggioranza del Parlamento europeo.

 

 

Perché Timmermans forse ce la fa lo stesso, ma dopo una redistribuzione del potere in Europa, con Merkel indebolita dalle divergenze interne ai popolari e attaccata esternamente da Macron, come racconta usando l'appropriato schema di riferimento del conclave David Carretta e con drammatizzazione dei personaggi Paola Peduzzi

  

 

Ah, proprio oggi il governo doveva vedere i sindacati, si diceva per discutere con loro i progetti di intervento sui conti pubblici da presentare in Europa, ma l'incontro è stato rinviato (mentre anche il confronto europeo veniva rinviato, nientemeno che a dopo la definizione del pacchetto di nomine principali).

 

Per tornare al sistema economico e alle strade che, comunque, anche senza troppo investimenti e senza starsi a sforzare sugli aumenti di produttività, gli italiani riescono a percorrere.

  

 

Carola Rackete, oltraggiata dalle foto diffuse da un server russo e rilanciata da account italiani e sovranisti, è a Agrigento e probabilmente si riuscirà rapidamente a spegnere l'attenzione mediatica ingiustamente concentrata su di lei. E' un piacere, intanto, ogni tanto, linkare il Fatto come portatore di garantismo e rispetto per gli indagati.

 

Intanto, come è  noto, gli sbarchi continuano. O meglio, è noto, ma si parla solo degli sbarchi che a Salvini piace stigmatizzare.

 

 

A Hong Kong non si è trattato di un semplice girotondo ma i partecipanti alla manifestazione, seguita alle proteste per chiedere l'abolizione dell'estradizione verso la Cina, hanno prima circondato il Parlamento e poi, pacificamente, sono entrati nell'aula. Il loro movimento, evidentemente, non si contenta delle piccole concessioni ottenute.

  

Bravo Warren Buffett, parlatene tanto qualcuno tirerà fuori il tema dei milioni in ballo coni famosi 6 numeri da indovinare.

 

 

A Wimbledon i giorni del grande tennis.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi