cerca

No, le Tamponate no

Tamponi a domicilio per calciatori e consorti. Cara Michela Persico, non è vero che “il trattamento è uguale per tutti”

26 Marzo 2020 alle 06:00

No, le Tamponate no

foto LaPresse

Non potendoci più sfogare come bestie nelle curve di stadio e fare buuu anche ai finlandesi biondi, in questa situazione di reclusi e spaventati, a un certo punto un po’ di populismo e di vaffa diventa pure utile. Quando ce vo’, è segno di civiltà. Insomma ci sono le Tamponate, che un tempo erano le wags. La fidanzata di Rugani, ha detto tranquilla come una vispa Teresa a Tpi che le hanno fatto il tampone: “Sono venuti a farmelo a casa”. Le chiedono se è proprio così normale che, mentre il tampone non lo fanno a medici e infermieri, a lei siano andati a farlo a casa: “Non so e non conosco dinamiche altrui, ma il trattamento è uguale per tutti”. Ecco, è all’uguale per tutti che anche il più incallito degli egualitaristi si incazza. Come s’era già incazzato quando la compagna di Dybala aveva detto, giuliva: “Io, Paulo e un’altra persona che vive a casa con noi abbiamo fatto il test per vedere se avevamo il coronavirus”. Il tampone non è uguale per tutti, questo è. Ma almeno tenete la bocca chiusa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • eleonid

    26 Marzo 2020 - 11:20

    Diteglielo a quelli che dicevano che uno è uguale ad uno.

    Report

    Rispondi

  • Medicaid

    26 Marzo 2020 - 09:39

    Sarà possibile, un giorno, capire com'è stato possibile?

    Report

    Rispondi

    • Dario

      Dario

      27 Marzo 2020 - 14:06

      Evidentemente queste persone possono disporre di un room service molto efficiente. Se stai in un albergo a 5 stelle...(non quello di Grillo).

      Report

      Rispondi

Servizi