cerca

Nuova galera Salvini

Al cuor non si comanda e il leader leghista sui social ha sbracato come ai vecchi tempi sull'arresto dei sei agenti di polizia penitenziaria

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

18 Ottobre 2019 alle 06:22

Nuova galera Salvini

Matteo Salvini (foto LaPresse)

Non so più bene come lo definiamo adesso, che è diventato un europeista convinto, che si è messo la cravatta e forse persino a dieta, leader quasi credibile di un centrodestra non truce. Matteo Salvini. Poi però a cuor non si comanda, la galera è la galera e chi ci sta dentro ci deve stare, non c’è nulla di più bello che fargliela pagare e buttar via la chiave. Sarà l’astinenza da mojito. Ieri sei agenti di polizia penitenziaria in servizio nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino sono finiti agli arresti domiciliari, un’inchiesta che va avanti da un po’, con un’accusa pesante: “Plurimi e gravi episodi di violenza”. Articolo 613 bis del Codice penale, tradotto sono accusati di tortura – che parola pazzesca in uno stato di diritto – nei confronti di alcuni detenuti. Noi, che a differenza di Salvini all’innocenza crediamo fino a prova contraria, speriamo che siano innocenti, come vorremmo esserlo tutti, innocenti, delle parole che diciamo e delle azioni che compiamo.

 

Ma per essere un leader e non un capopopolo urlante ci vuole un po’ di prudenza, di attesa, di riconoscimento del diritto di tutti. Persino il diritto che più gli piace, quello di denuncia. Invece Salvini è saltato sui social come ai vecchi tempi, come su uno scooter d’acqua, e ha sbracato, perché al cuor non si comanda. “Non c’è un referto medico o una denuncia, ma la parola di qualche ex detenuto contro quella di sei poliziotti”, ha detto. “Uno stato civile punisce gli errori, ma che la parola di un detenuto valga gli arresti di un poliziotto mi fa girare le palle terribilmente”. Terribilmente. Le palle. Male annodate come la sua nuova cravatta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gesmat@tiscali.it

    gesmat

    18 Ottobre 2019 - 10:10

    Salvini esprime normalissimo buonsenso! Che il pentitismo sia un dramma della giustizia italiana è scontato. Che i pentiti abbiano una pericolosa propensione per la calunnia pure.

    Report

    Rispondi

  • Medicaid

    18 Ottobre 2019 - 07:07

    E' una voce dal sen fuggita. Ha successo, molto. Gli sforzi per detrucizzarlo con interviste ben guidate e concordate forse sono vani.

    Report

    Rispondi

Servizi