cerca

“Un idiota che cammina fa più strada di dieci intellettuali seduti”. Appunti da una resa

L’intellettuale prima ha iniziato a sentirsi escluso, poi dalla parte del torto, ora a dirsi che forse hanno ragione “loro”

11 Luglio 2018 alle 06:11

“Un idiota che cammina fa più strada di dieci intellettuali seduti”. Appunti da una resa

Allan Bloom, autore de La chiusura della mente americana

Non fosse morto venticinque anni fa, Allan Bloom potrebbe forse aggiornare il suo La chiusura della mente americana, saggio definitivo – o che è stato definitivo per trent’anni, niente è definitivo nelle fluttuazioni tra intellettuali e masse – nel quale spiegava con una certa preveggenza che le democrazie dominate dall’opinione pubblica avevano prodotto il pernicioso risultato di un relativismo fatto di rifiuto del sapere, della distinzione dei concetti e dei fatti, di cui il multiculturalismo era una perfetta sintesi. Aggiornarlo in quale direzione, non sapremmo dire. Potrebbe festeggiare la compiuta nemesi, ora che tutta la cultura d’impronta liberal è stata finalmente sfanculata con i suoi pregiudizi. Oggi anche solo dire “cultura” guadagna all’incauto l’accusa di “radical chic”, di borghese da centro storico, che investe indifferentemente chiunque abbia letto un libro, abbia una laurea, abbia fatto una gita a Chiasso. Basta una maglietta rossa, e arriva una cretina che censura il “radical chic con il Rolex e l’attico a New York”. Dove si condensa l’equazione impossibile e irrazionale tra Rolex (che poi è sempre stato simbolo della ricchezza burina di destra, ma amen), ricchezza e cultura. Il punto non sono le magliette rosse, hanno già annoiato. Ma pure questa idea di offrire i propri corpi come sacrificio vivente sulle navi che altro è se non, al fondo, la rinuncia alla facoltà di parola, pensiero?

  

E’ lo spaesamento dell’intellettuale che ormai si sente braccato, sia ceto professionale o ceto medio riflessivo. Un pacato intellettuale, per professione, come Pigi Battista ha scritto su Facebook: “Sento come sconvolgente il fatto che viviamo una lotta di classe al rovescio, e che le cose che credo di pensare, ragionevoli, giuste, accoglienti, non isteriche, non hanno il benché minimo ascolto nelle zone della città e della società lontane”. Quasi la confessione di un senso di colpa: “Siamo stati espulsi da un mondo in cui noi (in senso lato) non abbiamo più neanche un minimo di credibilità. Vorrei che ci interrogassimo su questa espulsione epocale da un mondo che non ci ascolta più, e anzi ci disprezza”. Uno scrittore molto per bene come Mauro Covacich ha scritto sul Corriere di sentirsi disperso: credevo che “gli altri” (il popolo) fossero “come” me, dice, invece odiano quello che amo, insomma odiano me. L’intellettuale prima ha iniziato a sentirsi escluso, poi dalla parte del torto, ora a dirsi che forse hanno ragione “loro”. Un altro saggio preveggente, il grande Jacques Seguela, inventore della comunicazione politica in epoca mitterrandiana, disse: “Un idiota che cammina va più lontano di dieci intellettuali seduti”. Ora lo zio di Pamela scrive su Fb: “Dove eravate voi benpensanti intellettualoidi, chiusi nei vostri mondi dorati, quando hanno massacrato Pamela?” e ci sono giornali lo ospitano, convinti, pare, che quella frase sconnessa sia invece pertinente. Se siete intellettuali, siete anche stupratori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • NoMercy

    11 Luglio 2018 - 11:11

    Se non fosse che trascineranno pure me nel baratro che stanno costruendosi sarei tentato di lasciarli fare. Ma alla fine è solo una questione di marketing? Gli intellettuali devono fare un corso di Programmazione Neuro Linguistica?

    Report

    Rispondi

  • Carlo A. Rossi

    11 Luglio 2018 - 09:09

    Posso permettermi un paio di puntualizzazioni? La frase dello zio di Pamela è effettivamente sconnessa, e certa televisione sguazza in questo pantano. Ma anche Crippa non mi pare che sia particolarmente connesso in questo articolo: prima di tutto, la critica, per quanto non pertinente, non equipara gli intellettuali a stupratori. Più prosaicamente, esprime brutalmente ciò che mi ritrovo pure io a pensare: aspettavamo idee, giunsero uomini. L'idea che molti intellettuali (premetto che prima di entrare nel settore privato, ho lavorato a lungo in università in Europa) hanno degli stranieri, soprattutto se provenienti da culture "aliene", è appunto più che un'idea, una pia illusione. Al Max Planck Institut, si incontra lo straniero colto (ma non privo di un discreto antisemitismo, lo scrivo a chiare lettere). Nelle periferie, non si incontrano le idee del buon selvaggio. E questa confusione sciente è la grande colpa di molti sedicenti intellettuali. Cordialmente.

    Report

    Rispondi

    • Dario

      Dario

      16 Luglio 2018 - 15:03

      Sì, ma nelle periferie si incontra anche una nuova piccola imprenditoria fatta di ristoranti etnici e negozietti, per dire. Si vedono scuole popolate da ragazzini stranieri che frequentano regolarmente, e magari tra molte difficoltà - non lo nego - (ma in molti casi anche no) vengono portati fino alla fine dei loro cicli scolastici. All'università cominciano ad arrivare, per adesso, i figli di quelli che sono arrivati dall'altra sponda dell'Adriatico o dai Balcani, e spesso sono bravi. Quando i loro genitori arrivarono - ricordate le navi stracariche che venivano dall'Albania - non si spendevano parole molto diverse da quelle che oggi si spendono per gli africani. Vogliamo vedere sempre solo il bicchiere mezzo vuoto? Ci serve? Certo, guardiamolo il bicchiere mezzo vuoto, ma guardiamo anche l'altra parte.

      Report

      Rispondi

Servizi