Il cinico in bicicletta

Maurizio Crippa

Un aspirante malvivente ha cercato di rapinare un supermercato con una pistola giocattolo. Sarà la suggestione di questi giorni, ma viene in mente lo spaccone padano e i suoi porti chiusi

Poi per fortuna ci sono anche queste buffe storie di provincia, storie di uomini minori in un mondo di divinità minori, a restituirci la dimensione grottesca degli eventi. In un comune neanche piccolo dell’Alto Milanese, l’altro giorno un aspirante malvivente che si credeva furbo, o tutto d’un pezzo, è arrivato davanti a un supermercato in bicicletta. L’ha appoggiata lì al muro per bene, pronta alla bisogna, circospetto s’è guardato intorno e ha fatto irruzione, questa è una rapina! Soltanto che aveva in mano una pistola giocattolo.

  

Chissà se la cassiera lo aveva mai visto Prendi i soldi e scappa, il film del vecchio Woody col rapinatore imbranato che tenta il colpo in banca passando al cassiere un foglietto con vergate su delle minacce perentorie. Soltanto che aveva scritto male, troppo involuto, e il cassiere ligio ai regolamenti come fosse un custode dei regolamenti europei, o un guardacosta di Malta, glielo restituisce: scusi, ma proprio non si capisce che cosa vuole da me. Tale e quale, però in questo caso la ragazza dietro al banco sì è limitata a mettersi a ridere, anzi si è un po’ incazzata: ma dove vai con quel pistolino da bambini? E al rapinatore non è restato che darsela a gambe, anzi a pedali. E sarà magari la suggestione di questi giorni, ma viene in mente lo spaccone padano: via da qui, i porti sono chiusi, annegatevi dove vi pare. Solo che dall’altra parte del mare, dalla Spagna, gli rispondono: ma lascia perdere, buffone. E da Parigi, per soprammercato: piantala cinico, ci fai solo vomitare. Che fa venire in mente il buon Manzoni: corri corri, untorello, non sarai tu quello che spianta il trattato di Dublino.

Di più su questi argomenti:
  • Maurizio Crippa
  • "Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

    E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini"