cerca

Cecchinato, un’altra rivoluzione nazionale finita così

Il sovranismo e lo sport non è che proprio vanno a braccetto. “E’ meglio vedere un film che un incontro di tennis, perché non sopporto di vedere qualcuno che potrebbe perdere”, diceva Andy Warhol

8 Giugno 2018 alle 20:28

Cecchinato, un’altra rivoluzione nazionale finita così

Foto LaPresse

Fuori un altro. Il sovranismo e lo sport non è che proprio vanno a braccetto. “E’ meglio vedere un film che un incontro di tennis, perché non sopporto di vedere qualcuno che potrebbe perdere”, diceva Andy Warhol. Così pronti via, gioco partita incontro, ci siamo tolti dalla visuale anche Cecchinato, il nuovo Italiano Vero per mezza settimana. E tutta quella sbrodolata di retorica italiana dei nostri giornali, sempre pronti al riciclo di qualsiasi materiale di riporto pur di costruire in fretta e furia la nuova statuetta. Gli elogi di Nadal, “gioca un grande tennis”, e persino McEnroe, “non va mai in sofferenza”. E il rovescio a una mano, ah, il rovescio. Due palle peggio della seconda palla. Fino al profetico Panatta: “Il tennis c’era ma ora è scattato qualcosa”.

 

Insomma il mito dell’eterno ritorno della nazione, anche la grande proletaria del tennis s’è finalmente mossa. Dimenticando che l’ultimo outsider che vinse al Roland Garros si chiamava Michael Te-Pei Chang, era sino-americano e tirò pazzo, ma pazzo, quell’antipatico universale di Ivan Lendl, lanciandogli pallonetti lenti e alti come la Tour Eiffel e fermandosi a ogni scambio a mangiare banane. L’ultimo tennis proletario, ma era il 1989. “Signora, il tennis purtroppo non è come gli altri sport, non è adatto a tutti i ceti sociali”, è una battuta epocale del film Borg McEnroe. Così adesso Cecchinato l’hanno portato via dai sogni di gloria, come il premier Conte dalla conferenza stampa del G7. Alla prossima rivoluzione nazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • cantma

    09 Giugno 2018 - 08:08

    Povero Cecchinato, costretto a fare l’enfant di pays di una nazione di antisportivi che vogliono solo vincere, senza capire nulla di uno sport in cui la vittoria è quasi sempre al 50%...

    Report

    Rispondi

Servizi