cerca

Le colline del prosecco patrimonio Unesco sono una sciagura

E' la standardizzazione dei prodotti che minaccia il nostro vero patrimonio enologico, ossia la varietà

8 Luglio 2019 alle 13:23

Il prosecco patrimonio Unesco è una sciagura

foto LaPresse

Il prosecco smentisce Platone: non è vero che kalòs kai agathòs, che il bello corrisponde al buono. Visto che le vigne del prosecco ormai targato Unesco sono davvero belle mentre il vino che vi si produce davvero non è buono. Purtroppo (dico purtroppo perché amo Conegliano, città di grandi pittori e belle donne) la mia è un'affermazione facilmente dimostrabile: il prosecco è la base dello spritz e lo spritz è nato per correggere vini scadenti. Qualcuno si è mai sognato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Camillo Langone

Camillo Langone

Vive a Parma. Scrive sui giornali e pubblica libri: l'ultimo è "Eccellenti pittori. Gli artisti italiani di oggi da conoscere, ammirare e collezionare" (Marsilio).

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • andysun

    09 Luglio 2019 - 13:01

    Ma per favore! Ma in che film ha visto quel che afferma? Lo spritz nasce dalle bevande a base di vino che gli austriaci hanno sempre bevuto, e a Venezia -città elegante e ricca da sempre- è diventato un mito: l'utilizzo del Prosecco rende ancor più ricco ed elegante una bevanda di per sé semplice e popolare. Ma NON è nato per fare la base dello spritz! E tantomeno lo spritz è nato per migliorare vini scadenti. Ma per favore! Si faccia un giretto a Venezia raccontando queste cose ai veneziani e vedrà che non potrà mai più mettere piede a Venezia ! Scriva qualcosa di più appropriato senza sputare su qualcosa di famoso per attirare consensi.

    Report

    Rispondi

  • gdottore@notariato.it

    gdottore

    08 Luglio 2019 - 21:09

    Questo articolo dovrebbe esser studiato nelle scuole! Ad majora Giuseppe Dottore

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    08 Luglio 2019 - 16:04

    Egreginox, nel senso di inossidabile, Langone , mi duole contestarla: lo standard è necessario ma lo standard è brand; prenda qui in Sicilia il "Nero d'avola" e qual'è lo standard? "Nun sacciu cu-iè u standarde": Il prosecco è generico ma la "Legatura Mionetto" è un must nel rapporto qualità-prezzo; qui a Siracusa (Sicily oggi 39 centigradi "na bellezza") ancora devo trovare un standard del Nero d'Avola. Tanto per "evadere" un pochino: il caffè (u cafè) è già buono di suo (con tre anni di States l'avevo dimenticato) se lo correggi diventa un caffe correct (mi ricorda qualche cosa) che è la stessa cosa dire"politically correct". Il caffè come la politica è lo "standard buono" o meno buono, il correct è superfluo come lo spritz. La saluto con cordialità mentre mi rinfresco col "Mionetto" dopo una natata: il mare è "a casa" qui.

    Report

    Rispondi

  • cesare battisti

    08 Luglio 2019 - 16:04

    Quando l'unesco dichiara qulcosa patrimonio dell'umanità quella cosa è morta: stare alla larga da questo "patrimonio".

    Report

    Rispondi

Servizi