cerca

Il frutto proibito

E’ possibile che non ne abbiate mai sentito parlare, ma il durian è il re dell’esotismo. Potrebbe essere il nuovo avocado, se non fosse nauseabondo

Giulia Pompili

Email:

pompili@ilfoglio.it

1 Luglio 2019 alle 11:14

Il frutto proibito

Il durian a volte è italianizzato in durione. In Asia è considerato il Re dei frutti. Per la prima volta è arrivato in Italia quello più prelibato, dalla Malaysia (foto LaPresse)

Come l’avocado e il mango, ha un grande vantaggio di marketing: ha un nome universale. Che vi troviate su un’isola sperduta dell’Indonesia o in via Paolo Sarpi, la parola “durian” rimanda sempre allo stesso frutto, verde fuori e giallo dentro. Come per l’avocado e il mango, l’argomentazione per suggerirne un uso quotidiano fa leva sui nostri sensi di colpa salutisti: fa benissimo, è pieno di antiossidanti, toglie la sete e la fame, ha un effetto lassativo quindi sgonfiante, ci riempie...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    02 Luglio 2019 - 09:09

    Dire durian e' come mela: c'e' un universo di durian.

    Report

    Rispondi

Servizi