cerca

La corsetta sì, la messa no. E la Cei insorge contro il governo

Il governo non autorizza le celebrazioni. Dura nota dei vescovi italiani: “Non possiamo accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto”. Anche il direttore di Avvenire attacca: “I sacrifici si capiscono e si accettano, le ingiustizie no”

26 Aprile 2020 alle 22:21

La corsetta sì, la messa no. E la Cei insorge contro il governo

Papa Francesco durante la messa a Santa Marta (foto LaPresse)

La colpa, ha spiegato il premier Giuseppe Conte durante la sua conferenza stampa, è tutta del “comitato tecnico-scientifico” che sul punto è stato piuttosto “rigido”. Insomma, prendetevela con gli esperti. Un'excusatio non petita che aveva evidentemente l'obiettivo di prevenire quello che sarebbe successo solo pochi minuti dopo. Perché fa un po' sorridere pensare che, già oggi, il premier possa annunciare trionfante che il 1 giugno riapriranno parrucchieri e centri estetici mentre, per quanto riguarda le funzioni religiose, sarà necessario un supplemento di indagine. 

  

Lo stato in chiesa

Forze dell’ordine troppo zelanti interrompono le messe con pochi e distanziati fedeli. La Cei che dice?

 

Nel frattempo, come gesto di cristiana misericordia, vengono consentiti i funerali ma solo con “l’esclusiva partecipazione di parenti di primo e secondo grado e, comunque, fino a un massimo di quindici persone, con funzione da svolgersi preferibilmente all’aperto, indossando mascherine protettive e rispettando rigorosamente le misure di distanziamento sociale”. Viene da chiedersi se, dal 4 maggio, assisteremo a scene come quella avvenuta nella parrocchia di Gallignano, in provincia di Cremona, dove i carabinieri hanno fatto irruzione in una chiesa di 300 metri quadri dove tredici persone, con guanti e mascherine, ben distanziate tra loro, stavano celebrano la messa. Li vediamo già i solerti custodi dell'ordine pubblico che controllano le carte d'identità e incrociano i dati anagrafici per capire se i presenti sono parenti di primo o secondo grado.

 

Finalmente la Cei batte un colpo. Bassetti: “E’ ora di tornare a messa”

I vescovi più zelanti dei carabinieri a Lima e a Cremona. Il vescovo Aupetit (Parigi) contro le irruzioni in chiesa della polizia

 

 

Insomma, siamo al limite del ridicolo. E infatti la Conferenza episcopale italiana, finita la conferenza stampa, ha pubblicato una dura nota contro le decisioni del governo. “Sono allo studio del Governo nuove misure per consentire il più ampio esercizio della libertà di culto”. Le parole del ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, nell’intervista rilasciata lo scorso giovedì 23 aprile ad Avvenire arrivavano dopo un’interlocuzione continua e disponibile tra la Segreteria Generale della Cei, il ministero e la stessa presidenza del Consiglio - si legge -. Un’interlocuzione nella quale la Chiesa ha accettato, con sofferenza e senso di responsabilità, le limitazioni governative assunte per far fronte all’emergenza sanitaria. Un’interlocuzione nel corso della quale più volte si è sottolineato in maniera esplicita che - nel momento in cui vengano ridotte le limitazioni assunte per far fronte alla pandemia - la Chiesa esige di poter riprendere la sua azione pastorale”.

 

Oltre la messa in streaming. Girotondo di opinioni

La comunione è un bene necessario? Niente messa a Pasqua, ed è giusto, ma forse è il momento di chiedersi anche quando e come si potrà tornare in chiesa
 

 

“Ora, dopo queste settimane di negoziato che hanno visto la Cei presentare Orientamenti e Protocolli con cui affrontare una fase transitoria nel pieno rispetto di tutte le norme sanitarie - prosegue la nota -, il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri varato questa sera esclude arbitrariamente la possibilità di celebrare la messa con il popolo. Alla presidenza del Consiglio e al Comitato tecnico-scientifico si richiama il dovere di distinguere tra la loro responsabilità - dare indicazioni precise di carattere sanitario - e quella della Chiesa, chiamata a organizzare la vita della comunità cristiana, nel rispetto delle misure disposte, ma nella pienezza della propria autonomia. I vescovi italiani non possono accettare di vedere compromesso l’esercizio della libertà di culto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che l’impegno al servizio verso i poveri, così significativo in questa emergenza, nasce da una fede che deve potersi nutrire alle sue sorgenti, in particolare la vita sacramentale”.

 

Ma la nota della Cei non è l'unico attacco al governo. Anche il direttore di Avvenire Marco Tarquinio, nonostante la domenica il quotidiano sia chiuso, ha pubblicato un editoriale dal titolo inequivocabile: “Ferita incomprensibile e ingiustificabile”. “È un errore molto grave - scrive Tarquinio - Non si può pensare di affrontare una generale 'ripartenza' che si annuncia delicatissima rinunciando inspiegabilmente a valorizzare la generosa responsabilità con cui i cattolici italiani – come i fedeli di altre confessioni cristiane e di altre religioni – hanno accettato rinunce e sacrifici e, dunque, senza dare risposta a legittime, sentite e del tutto ragionevoli attese della nostra gente. Sarà molto difficile far capire perché, ovviamente in modo saggio e appropriato, si potrà tornare in fabbriche e in uffici, entrare in negozi piccoli e grandi di ogni tipo, andare in parchi e giardini e invece non si potrà partecipare alla Messa domenicale. Sarà difficile perché è una scelta miope e ingiusta. E i sacrifici si capiscono e si accettano, le ingiustizie no”.

 

La risposta di Palazzo Chigi non si fa attendere: “La presidenza del Consiglio prende atto della comunicazione della Cei e conferma quanto già anticipato in conferenza stampa dal presidente Conte. Già nei prossimi giorni si studierà un protocollo che consenta quanto prima la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche in condizioni di massima sicurezza”.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • pincopallino333

    02 Maggio 2020 - 12:34

    A mio parere "siamo al limite del ridicolo" quando una persona spreca tempo prezioso della sua vita per scrivere un articolo come questo. Tutti stanno facendo sacrifici, la chiesa non è una vittima in questo momento, so cosa voglia dire perdere qualcuno di caro e sinceramente, funerale o no quella persona non c'è più e forse si trova in un luogo migliore, messe e cerimonie funerarie sono un concesso totalmente sopravvalutato. Le vere vittime sono i deceduti e i parenti di queste persone, andare a messa non gli farà dimenticare il dolore della perdita, forse il contrario. La cosiddetta "corretta" o, finalmente poter vedere gli amici, andare dal parrucchiere e perdersi cura di se sono cose che danno benefici che la religione non darà mai. Prendersi cura del corpo è importante quanto curarsi dell'anima. La messa e il culto della religione cristiana come vengono praticati oggi, sono attività non più adatte alla società del XXI° secolo, è giusto che le cose cambino ed evolvano.

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    28 Aprile 2020 - 11:09

    Tutti i cattolici sono in sofferenza desiderano intensamente ricevere l'Eucaristia dono del Cristo Gesù.

    Report

    Rispondi

  • kriszt49

    27 Aprile 2020 - 18:06

    Non comprendo, che con le dovute precauzioni, perchè non si possa celebrare la Santa Messa nelle chiese. Invece, l'Angelus in Piazza San Pietro, le feste patronali, le processioni e altri eventi religiosi che comportano grandi assembramenti certamente vanno rimandati. kriszt49

    Report

    Rispondi

  • Carlo Senneca

    27 Aprile 2020 - 11:50

    La CEI vuole rifare la processione contro la peste dell'11 giugno 1630 che infatti aggravo' l'epidemia. Sono allibito. Il PdC ha detto che per le cerimonie religiose che non siano funerali si sta studiando come fare. Tutto qua. Dove sarebbe la violazione della libertà' di culto? Allora diamo modo ai tanti musulmani di Milano di riunirsi davanti a Piazza Duomo come fecero alcuni anni fa. OK?

    Report

    Rispondi

    • joepelikan

      27 Aprile 2020 - 15:28

      Caro Carlo, si legga il mio commento più sotto. Può piacere o non piacere ma il Governo, con i suoi provvedimenti, è andato oltre i limiti costituzionali. Anche se la CEI fosse d'accordo con le limitazioni alle celebrazioni, come certamente era all'inizio, il Governo non ha titoli per imporglielo. Inoltre, non la Chiesa Cattolica ha uno statuto diverso dalle altre confessioni religiose nella Costituzione (Art. 7).

      Report

      Rispondi

    • Carlo A. Rossi

      27 Aprile 2020 - 15:06

      Perdoni, ma che c‘entra la preghiera maomettana di fronte a Palazzo Marino con una proposta di aprire, nel rispetto di regole elementari, la chiese? Qui si mescolano capre e cavoli. Leggendo alcuni commenti, come questo, appare evidente che a molti, questa pandemia, che non ha le proporzioni della peste, benché molti politici amino farlo credere per fomentare paure, sembra un‘occasione d‘oro per mettere la museruola ad un‘istituzione che detestano. Legittimo, per carità, siamo una società liberale, giusto? Ma proprio a cagione di ciò, e di fronte ad alcune aperture, alcune persone forse sentono un legittimo bisogno di comunità, con lo dovute cautele. Il paragone con la peste è davvero fuori luogo, perdoni.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi