cerca

Declino di una chiesa

Silenziosa e divisa tra chi spera nel “partito dei cattolici” e chi rimpiange i tempi andati. La crisi della Cei

9 Novembre 2019 alle 06:18

Declino di una chiesa

Il cardinale Camillo Ruini è stato segretario generale della Conferenza episcopale italiana dal 1986 al 1991, quando fu nominato presidente (fino al 2007) da Giovanni Paolo II (foto LaPresse)

Non sono passati poi troppi anni da quando s’attendeva l'oracolo della Conferenza episcopale italiana per capire come sarebbe andato un referendum, dato il peso – politico e culturale – che essa aveva. Merito (o colpa, dipende dai punti di vista) della svolta di Loreto del 1985 e di tutto quello che ne conseguì, con il mandato pieno e chiaro di Giovanni Paolo II a evangelizzare “in senso forte e pieno”. Camillo Ruini, che divenne prima segretario della Cei nel 1986...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Bacos50

    12 Novembre 2019 - 09:09

    @Giovanni. «Ma attenzione, perché in realtà non sta sparendo il credo in un essere superiore, nel massimo fattore, ma solo nei dogmi delle religioni, nei loro riti, nelle loro imposizioni. Si potrebbe dire che stanno boccheggiando le religioni ma stanno sorgendo miliardi di religioni private».Osservazione realistica e condivisibile! Credere in un essere superiore credo faccia parte del DNA di noi uomini e chiunque osserva il cielo stellato di notte si chiede il perché e il fine di quella infinita macchina cosmica. Molto più difficile è credere a dogmi indimostrabili inventati di sana pianta e ancor di più in un dio ossessionato da ciò che accade nelle camere da letto.

    Report

    Rispondi

  • gheron

    11 Novembre 2019 - 10:10

    Declino di "una chiesa"? Sì! Quella franata, degradata a socialismo, nei suoi rivoli peggiori, fascismo e nazismo ieri, comunismo ieri e purtroppo ancora oggi.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    10 Novembre 2019 - 19:07

    Al direttore - Ammonimento inascoltato: "Non expedit" Non esiste religione, sia pur millenaria, che possa avere un "peso significativo" nella politica attuale, laica, materialista, relativista, dissacrante, in assenza di un proprio robusto potere temporale. Sola fides non supplet. .

    Report

    Rispondi

  • Andrew

    10 Novembre 2019 - 12:12

    Fa piacere pensare che il simpatico Cardinale abbia approfittato dell’intervista per togliersi due sassolini molto umani dalle sue scarpe. Il primo è quello di chi per 88 anni si è privato in nome della sacralità del sacerdozio dei piaceri della carne e reagisce seccato all’idea che si va verso l’abolizione di un peccato contro cui ha combattuto per tutta la propria vita. Il secondo è quello di chi negli ultimi anni è stato messo ai margini nella Chiesa dalla corrente del clericalismo grillino e del sinistrume progressista papalino e, alla luce di quanto sta avvenendo tra i cattolici e nel Paese, può permettersi di affermare che i suoi critici hanno sbagliato e stanno perdendo. Certo, questo è un piacere irrispettoso nei confronti del Cardinale. Ma fa bene immaginare che nel chiuso della sua stanza di tanto in tanto pensa ai perdenti clerical-grillini e progressisti e con il braccio fa “tiè”!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi