cerca

I danni (evitabili) delle interviste aeree del Papa

Ore di conversazione a ruota libera con i giornalisti tra fraintendimenti e frasi a effetto male interpretate. Il risultato? Alimentare le tensioni e archiviare subito gli importanti viaggi intercontinentali. E' successo anche ieri

11 Settembre 2019 alle 08:47

I danni (evitabili) delle interviste aeree del Papa

Papa Francesco durante uno dei suoi viaggi in aereo (foto LaPresse)

Roma. Come sovente accade, e non per colpa dei giornalisti, le frasi ad effetto che più resteranno dei viaggi papali sono quelle pronunciate quando i viaggi sono finiti. Con l'effetto – ed è su questo che forse in curia e a Santa Marta dovrebbero riflettere – di archiviare le spedizioni intercontinentali in poche ore, almeno a livello mediatico. Le frasi che restano sono quelle pronunciate in aereo, parlando a braccio con gli inviati che a Francesco pongono domande su tutto, dalla deforestazione in Africa ai vescovi invischiati in faccende di abusi sessuali e relative coperture (si ricordi il caso cileno). Il celeberrimo “Chi sono io per giudicare?” che gli valse la copertina della rivista gay The Advocate come uomo dell’anno 2013, rientra in questa casistica di massime aeree. Come quella dei figli e dei conigli nelle Filippine.

 

Stavolta il Papa ha regalato perle anche all’andata, mentre si recava in Mozambico (poi tappe in Madagascar e alle Mauritius) quando ha detto che “è un onore essere attaccato dagli americani”, provocando un mezzo incidente che solo la saggezza e tempestività del direttore della Sala stampa vaticana, capace in poco tempo di precisare cosa il Pontefice volesse dire in realtà, e la generosa dose di edulcorante gettata da Vatican News che titolava la notizia “Il pregio di un rilievo”, hanno evitato. Al ritorno, Francesco ha parlato di scisma, argomento delicatissimo specie ora che gli americani conservatori non fanno mistero di non poterne più dell’attuale governo vaticano e i tedeschi progressisti minacciano ogni cosa minacciabile se le loro istanze non saranno accolte nei prossimi mesi. Scisma? “Nella chiesa – ha detto il Papa – ce ne sono stati tanti. Sempre c’è l’azione scismatica nella chiesa. E’ una delle azioni che il Signore lascia alla libertà umana. Ma io non ho paura degli scismi, prego perché non ce ne siano, che ci sia il dialogo, che ci sia la correzione se c’è qualche sbaglio, ma il cammino nello scisma non è cristiano. Poi mi viene da pensare: è il popolo di Dio a salvare dagli scismi, perché gli scismatici sempre hanno una cosa in comune, si staccano dal popolo e dalla fede del popolo di Dio. Il popolo Dio sempre aggiusta e aiuta”.

 

Uno scisma, ha aggiunto Bergoglio, “è sempre uno stato elitario, ideologia staccata dalla dottrina. Per questo io prego che non ci siano gli scismi. Ma non ho paura. Io rispondo alle critiche. Ad esempio le cose sociali che dico sono le stesse che ha detto Giovanni Paolo II, io copio lui. Oppure, la primazia di una morale asettica sulla morale del popolo di Dio, la morale dell’ideologia, per così dire pelagiana, che ti porta alla rigidità”. Le critiche, poi, sono le benvenute: “A me piace quando si ha l'onestà di dirle. Non mi piace quando le critiche stanno sotto il tavolo, magari ti sorridono con tutti i denti e poi ti pugnalano alle spalle. La critica è un elemento di costruzione e può avviare un dialogo. Invece la critica delle pillole di arsenico è un po’ buttare la pietra e nascondere la mano”, si legge nella trascrizione pubblicata da Avvenire.

 

Dopo sei anni e mezzo di pontificato, il momento di maggiore interesse di un viaggio papale (accade così nelle redazioni dei giornali, è sufficiente notare la copertura sul cartaceo e sul web) è l'intervista conclusiva. Fatta con il Papa in piedi, stanco, tra turbolenze e vassoi della cena in arrivo. Domande a raffica su tutto lo scibile che in qualche modo c'entri con la chiesa: dal destino del vescovo Barros, con Francesco che in buona fede lo difende – salvo poi venire avvertito che le cose non stanno proprio come gli erano state raccontate – al destino delle bottiglie di plastica monouso all'interno del territorio vaticano. Se c'è un Papa che non avrebbe bisogno delle interviste ad alta quota per far conoscere il suo pensiero, questi è proprio Francesco. Che ha dato dimostrazione di sapere padroneggiare (e bene) la scena e altre modalità di comunicazione. Con qualche scoramento: quando ad esempio tuona contro il gender – “Uno sbaglio della mente umana” – e sui giornali non si legge neppure mezzo trafiletto.

Matteo Matzuzzi

Matteo Matzuzzi

E' nato a Udine nel 1986. Si è laureato per convinzione in diplomazia e per combinazione si è trovato a fare il giornalista. Ha sperimentato la follia di fare l'arbitro di calcio, prendendosi pioggia e insulti a ogni weekend. Milanista critico e ormai poco sentimentale, ama leggere Roth (Joseph, non Philip) e McCarthy (Cormac). Ha la comune passione per le serie tv americane che valuta con riconosciuto spirito polemico. Al Foglio si occupa di libri, chiesa, religioni.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    17 Settembre 2019 - 16:04

    Per età ho conosciuto tutti i papi da PioXII in poi e pur essendo non credente in qualsiasi voglia credo ne rispetto i precetti e vieppiù il ruolo del papa ,ma questo bergoglio non mi convince e poco credente e molto politico politicante .Capo dello SCV sembra dare ragione al popolino romanesco che interpretava l'acronimo in "Se Cristo Vedesse". Secondo me senza il palcoscenico di s.Pietro e annessa piazza ,senza le cerimonie e gli abiti da satrapo rimane un poveruomo. "Chi sono io per giudicare " ha detto e spara giudizi come una mitragliadora. E' la parafrasi dell'astrofisica che lo scopritore dei buchi neri sostiene che sono invisibili e ,guarda là , la NASA li fotografa.

    Report

    Rispondi

  • mtferrari

    11 Settembre 2019 - 16:04

    L'aereo è come il confessionale - isolato - in quel luogo si va al nocciolo del soggetto.

    Report

    Rispondi

  • Ettore Canori

    Ettore Canori

    11 Settembre 2019 - 12:12

    Ud. bisoño periodista, posee una visión eurocéntrica. Lamentablemente, hoy su eurocentrismo es sinónimo de soberbia estéril. Mientras personas como Ud. debaten sobre la semántica del Papa Francisco, los moros les están reconquistando la parte occidental del Anciano Continente y Uds. asisten impasibles a la invasión musulmana. Las palabras del Santo Padre son dichas para provocar la reacción de los pasmados.

    Report

    Rispondi

Servizi