"La chiesa cattolica in Cina è divisa, ma non perseguitata"

Quel che il Papa sa del negoziato con Pechino, la necessità di una ricomposizione. Parla il sinologo Francesco Sisci

"La chiesa cattolica in Cina è divisa, ma non perseguitata"

Una bandiera cinese in piazza San Pietro (foto LaPresse)

Roma. Il dossier cinese tiene banco in Vaticano, all’indomani del botta e risposta tra il cardinale Joseph Zen, arcivescovo emerito di Hong Kong, e la Sala stampa della Santa Sede, che in un comunicato ha deprecato che uomini di chiesa alimentino “confusione e polemiche” sostenendo che il Papa non sarebbe del tutto informato sullo stato dei negoziati e la situazione della chiesa cattolica in Cina. Francesco Sisci, docente presso l’Università Renmin a Pechino e autore per AsiaTimes della prima intervista...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi