Mongolia finis terrae

I missionari che “sussurrano il Vangelo” in un paese dove essere cristiani non è uno scherzo

Mongolia finis terrae

Le relazioni diplomatiche tra la Mongolia e la Santa Sede sono state aperte nel 1992. Padre Giorgio Marengo è missionario nel paese dal 2003 (foto LaPresse)

Sette parrocchie, settantasette missionari, un solo sacerdote locale, milleduecento battezzati in un territorio immenso, grande cinque volte l’Italia e incastrato tra la Siberia e la Cina. Della Mongolia si sa pochissimo, a parte qualche racconto sulla sua epica e millenaria storia. Della presenza cattolica in quella terra, dove la popolazione si divide per lo più tra buddisti, seguaci dello sciamanesimo e atei, ancora meno. Distanze infinite, clima ostile, una cultura agli antipodi rispetto a quella occidentale. Come si fa a...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi