cerca

Il vero tema del congresso Pd

L'aspetto comico di quello che succede non può far dimenticare le regole della politica. Previsioni e ipotesi

20 Ottobre 2018 alle 06:00

Il vero tema del congresso Pd

Maurizio Martina (foto LaPresse)

Siamo immersi in una sceneggiatura che Marco Travaglio, cultore della materia, potrebbe intitolare “Totò, Peppino e il governo del cambiamento”. Ma l’innegabile aspetto comico di quello che succede non può far dimenticare le regole della politica, che sono crudeli e si cominciano ad affacciare in qualche commento che ieri si poteva leggere sui giornali. E’ ben possibile che il prossimo risultato elettorale premi la Lega, magari non tanto quanto i sondaggi prospettano, e punisca il M5s, lasciandolo comunque con un più che discreto patrimonio di voti. Dall’altro lato è difficile pensare che il Pd e il centrodestra possano essere premiati dall’elettorato, ma non è ipotizzabile una loro discesa al di sotto delle due cifre. A quel punto Salvini potrebbe essere tentato di ripagare i grillini con la loro moneta e mandarli dove indica il loro motto originario. Ai voti leghisti si potrebbero sommare quelli del centrodestra e di qualche volenteroso, che si trova sempre, e così costruire un governo che potrebbe tentare di dialogare col Ppe. Sarebbe una iattura ma non una follia. Al Pd non resterebbe che l’irrilevanza o la partecipazione minoritaria a una opposizione egemonizzata dal M5s. In parole povere, il tema del loro congresso è come sopravvivere a questa sorte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • daniele.velon

    20 Ottobre 2018 - 23:11

    Ovvero, del nuovo bipolarismo Lega-5 stelle.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    20 Ottobre 2018 - 15:03

    "Sarebbe una iattura": è un suo punto di vista, le ricordo che in base alle ultime elezioni il CD doveva essere chiamato per formare il governo ma così non volle là dove si puote: questa è la ragione del "sopraggiungere" (la politica non ammette vuoti) dell'attuale Contratto; ovvero ci sono precisi "prolegomeni" (termine saputello che sottende un sorriso) della scienza politica nell'attuale situazione.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    20 Ottobre 2018 - 10:10

    Mi scusi, Boldrin, ma non e’ che una larga parte degli elettori del Pd (secondo alcuni sondaggisti la maggioranza) aspira ad un governo con i 5 stelle? Sopra o sotto traccia non sarà per caso questo il tema centrale del prossimo congresso di un partito al momento in istato di una confusione mai prima conosciuta?

    Report

    Rispondi

Servizi