cerca

Se le aggressioni antisemite contano meno dei gattini

Ottanta tombe deturpate dalla svastica in Francia. Ma nell’ultimo giorno da direttore di Mario Calabresi, Repubblica mette la notizia dopo Claudia Schiffer e lo chef che “molla e fa il papà”

20 Febbraio 2019 alle 06:00

Se le aggressioni antisemite contano meno dei gattini

Le aggressioni antisemite montano come una marea in tutta Europa. Devastato e profanato ieri il cimitero ebraico di Quatzenheim, in Alsazia, est della Francia. Ottanta tombe deturpate dalla svastica. Nemmeno tre settimane sono passate dal giorno della Memoria e degli editoriali grondanti severi moniti e allarmanti previsioni. Bene. Repubblica.it delle 17 e 34, nell’ultimo giorno da direttore di Mario Calabresi, aveva messo la notizia su Quatzenheim al diciannovesimo posto. Dopo Claudia Schiffer: “Lagerfeld era la mia polvere magica”; dopo il lascito del compianto stilista all’adorata gattina:”Ora Choupette è una ragazza ricca”; e anche dopo la decisione coraggiosa dello chef di grande nome: “Mollo e faccio il papà, l’unica scelta adesso è il mio bambino”. Molto dopo. Poi sarà stato un caso, o sarà stato che fino a quell’ora la politica italiana (tutta) non aveva ancora alzato un sopracciglio sull’antisemitismo del giorno, o sarà stata invece la famosa tenia che sta mangiandosi l’élite, resta il fatto che in questo modo è andata. E non si tratta di un appunto a Calabresi, intendiamoci bene. È che un nocchiero di tal fatta, purtroppo, il suo Verdelli prima o poi lo trova.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    04 Marzo 2019 - 11:11

    Ci si abitua a tutto, anche alla puzza delle cloache aperte. Ormai si può dire l’indicibile e tacere sull’indicibile, impunemente. “Indicibile” non in senso rilkiano.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    20 Febbraio 2019 - 10:10

    Ancora complimenti, caro Andrea. Anche e soprattutto per il coraggio, in una stagione di vili e cialtroni, sempre pronti a stracciarsi le vesti per il pericolo della scomparsa di qualche specie animale, ma silenti nella denuncia di chi si adopera per far scomparire esseri umani, a religione ebraica. La guerra alle caste non ha limiti ne’ confini, per il trionfo dell’imbecillita’ , anche criminale, par di capire.

    Report

    Rispondi

Servizi