cerca

Sacrificatevi tutti, dicono quelli di Extinction Rebellion

Con XR l’ambientalismo diventa nichilismo (upper class)

22 Aprile 2019 alle 17:02

Sacrificatevi tutti, dicono quelli di  Extinction Rebellion

Una delle proteste inscenate ai sostenitori di Extinction Rebellion a Londra (foto LaPresse)

Tra i 936 manifestanti arrestati nel fine settimana a Londra per avere bloccato alcuni snodi cittadini importanti durante la manifestazione dell’organizzazione Extinction Rebellion (XR) c’è anche il campione olimpico di canoa Etienne Stott, 39 anni, che aveva tenuto un comizio sul tetto di un autobus mentre bloccava il ponte di Waterloo. “E’ dura disturbare la vita delle persone – ha detto – ma per le persone sarà molto peggio se non dichiariamo un’emergenza ambientale e non affrontiamo i cambiamenti climatici”. Il problema è che nel disturbare la vita altrui i manifestanti disturbano la loro per prima. Dicono che l’ambientalismo non riceve sufficiente copertura mediatica e che, secondo XR, “gli approcci convenzionali di voto, lobbismo, petizioni e protesta sono falliti perché i potenti interessi politici ed economici impediscono il cambiamento”. Sono affermazioni mendaci perché l’ambientalismo non ha mai avuto così tanto spazio mediatico come oggi con la paladina Greta Thunberg né così tanta attenzione dall’industria, compresa quella petrolifera, impegnata in un “greenwashing” senza precedenti.

 

Gli attivisti sono per lo più bianchi, benestanti e spesso anziani e ritengono che un cambiamento per via democratica sia impossibile. Ci sono elementi comuni con il gli anti Wall Street di Occupy, compreso il fatto che uno degli organizzatori, George Barda, fa parte dei direttori di Compassionate Revolution Ltd. società partner di XR. La battaglia anti capitalistica ora blocca strade, autobus, treni e aerei, simbolo di libertà di movimento nonché una delle conquiste più grandi dei nostri tempi. Non sorprende che poche persone della classe operaia condividano la convinzione degli ambientalisti che siamo tutti troppo ricchi. La critica al capitalismo per XR non è superabile con la creazione di una società dell’abbondanza per le masse ma con l’austerità: abbiamo troppo e dovremmo tornare a uno stato preindustriale sacrificando noi stessi. Il primo sacrificio è quello dei manifestanti che devono essere disposti a farsi fermare dalla polizia – l’organizzazione pubblica sul sito un manuale per gestire l’arresto – a proprio rischio e spese. Sacrificio, ma per cosa?

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Chichibio

    23 Aprile 2019 - 14:02

    Sembra di esser tornati all'anno Mille. Chissà se anche allora c'era una Greta?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    23 Aprile 2019 - 11:11

    Morto il social-comunismo ,movimento ridicolmente universale ,che a dire dei suoi 'inventori ' doveva salvare l'umanità da ogni problema, è cicciato altrettanto universale l'ambientalismo , la cui fondatezza razionale è più romantica che logica.La credenza utopica che l'uomo possa modificare lo status eterno dell pianeta terra è un'altra imbecillagine creata dalla supponenza degli uomeni convinti di avere il potere-possibilità di poter operare su scala pressocchè cosmica .Poi accadono terremoti tsunami inondazioni ed ogni altro fenomeno incontrollabile naturale e il risultato è sempre quello dell'essere umano manco in mutande ma nudo come quando la coppia famosa fu cacciata dall'Eden con una mano davanti e una di dietro.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    23 Aprile 2019 - 09:09

    'Sacrifichiamoci' o 'sacrificatevi' tutti? C'è una sottile differenza (la solita). Sai che che sacrificio, il rischio di essere fermati per aver manifestato per l'ambiente in un paese democratico.

    Report

    Rispondi

Servizi