cerca

Il futuro demografico dell’Italia non ha “futuro"

Le previsioni Istat al 2065 ribadiscono che di questo passo avremo più agenzie funebri che fiocchetti colorati alle porte. Parla il demografo Blangiardo

3 Maggio 2018 alle 17:00

Il futuro demografico dell’Italia non ha “futuro"

Foto Pixabay

Roma. L’istat ha pubblicato oggi le “Previsioni regionali della popolazione residente al 2065” nel rapporto “il futuro demografico del paese”. L'analisi dell'Istituto di Statistica prevede che il Mezzogiorno perda popolazione per tutto il periodo mentre nel centro-nord, dopo i primi trent'anni con un bilancio demografico positivo, si avrebbe un progressivo declino della popolazione soltanto dal 2045 in avanti. Ne abbiamo parlato con Gian Carlo Blangiardo, uno dei massimi demografi italiani, docente di Demografia all’Università di Milano Bicocca.

 

“Queste previsioni, oggi vendute come nuove, sono in realtà sostanzialmente le stesse previsioni fatte nel 2017 con base 1° gennaio 2016, queste sono con base 1° gennaio 2017 - dice al Foglio -. Cosa c'è di diverso? Non è che la popolazione sia cambiata tanto in un anno, e nemmeno i risultati. Si è tenuto conto di quanto è successo nel 2016, sono piccoli dettagli. C’è però un messaggio: si ribadisce il fatto che la popolazione italiana è destinata, nel migliore dei casi, a rimanere ferma. E nel caso realistico siamo destinati a perdere popolazione”.

 

La condizione più grave, sottolineata dall’Istat, è quella del Mezzogiorno. “All'interno delle due componenti centro-nord e Mezzogiorno quello che rimane realmente fermo è appunto il Mezzogiorno. La ragione è semplice: il centro nord attenua i danni perché c’è una maggiore migrazione dall’estero, con un saldo positivo di 150 mila unità che si aggiungono ogni anno. Ci saranno poi sempre movimenti di popolazione dal sud al nord. E inoltre il sud si allinea a un saldo naturale (differenza tra nati e morti) negativo in tutta Italia. Questo fa sì che la popolazione del Mezzogiorno – che già non è la maggioranza – diminuisca a causa di tre fattori: inferiore trazione migratoria, migrazione verso nord, saldo naturale negativo".

 

L'Istat stima che in Italia la popolazione residente scenderà a 59 milioni di persone nel 2045 e a 54,1 milioni nel 2065. Enfatizzando i media usano la parola “spopolamento” in particolare riferimento al Mezzogiorno. Cosa ne pensa? “Abbiamo 60,6 milioni oggi, ma diventerebbero 47 milioni nell'ipotesi improbabile di quello che Istat definisce estremo inferiore di una forchetta. Altrettanto è decisamente poco probabile il massimo della forchetta a 62 milioni. Il valore mediano fa scendere la popolazione attorno a 54 milioni nel 2065. Non è certo di spopolamento che stiamo parlando. È chiaramente un paese meno popolato, ma non si può dire che sia un paese vuoto... e d'altronde come possiamo immaginarlo”.

 

Da questi numeri, per quanto non nuovi, quale messaggio ricava? “È un messaggio che, quand'anche ripetitivo, è forte e importante: dobbiamo metterci nell'ordine di idee in cui la popolazione non crescerà e il saldo naturale si allargherà sempre di più. Se ora ci sono 183 mila morti in più rispetto ai nati, nell'arco di 4 decenni arriveremo ad avere 400 mila nati e 800 mila morti. Insomma un paese in cui prosperano le agenzie per onoranze funebri ma si vendono pochissimi fiocchetti colorati. Anno dopo anno è un continuo record al ribasso. Tutto ciò sostiene un'affermazione importante: si invecchia rapidamente. Se l’età della media della popolazione è circa 44,9 anni arriverà a 50 anni nel 2065, e questo vuol dire che la componente anziana va a crescere. Vuol dire non solo un carico maggiore per il sistema previdenziale ma anche la necessità di dotarsi di un sistema sanitario che faccia in modo che a un certo punto qualcuno non pensi che sia preferibile togliere di mezzo qualche anziano piuttosto che affrontare un costo crescente. Scopriamo, inoltre, che le persone con almeno cento anni oggi sono 17 mila e, secondo queste previsioni, diventeranno circa 120-130 mila. Se invece andiamo a contare gli ultra novantenni diventeranno oltre 2 milioni dai 700 mila di oggi. Questi cambiamenti di struttura della popolazione non possono non essere considerati di estrema rilevanza: bisogna inserire dei cambiamenti altrettanto forti nel nostro sistema che altrimenti non può reggere”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tenen314

    03 Maggio 2018 - 18:06

    Interessante, ma anche preoccupante? Vorrei che qualcuno integrasse queste previsioni (certamente credibili) con altre previsoni, quelle sulla progressiva perdita di posti di lavoro (umani) a causa dello sviluppo della robotizzazione e dell'intelligenza artificiale (AI). Facendo i conti nel 2065 forse si scoprirà che la popolazione - almeno quella autoctona - sarà effettivamente diminuita, ma non sarà diminuito il PIL; il PIL potrebbe addirittura essere aumentato, grazie alla robotica ed all'AI. Se non si tiene conto anche di questi fattori, la previsione che il "nostro sistema ... non può reggere" a causa della prevista diminuzione della popolazione è molto parziale, e poco convincente. Mi rendo conto di come la dinamica demografica sia più accuratamente prevedibile della dinamica economica, ma se si vuole fare previsioni sulla tenuta del sistema Italia occorre considerarle entrambe.

    Report

    Rispondi

Servizi