cerca

Il senso dell'educazione dopo la pandemia

(foto Unsplash)

La scuola serve a formare persone adulte, non solo a mandare studenti all’università. Spunti per riflettere sui fondamenti di un sistema fragile

Commenta

Seguici su Flipboard

In Primo Piano

Per il mondo post Covid serve la guida americana

“Sarà veramente dura”, diceva Anthony Fauci nel 2017, immaginando l’ipotesi di una organizzazione per la salute pubblica modellata sulla Nato (foto Reuters)

Il libro preveggente di uno scienziato con sguardo politico dice che solo una Nato della sanità può fare fronte alla prossima epidemia (e alle successive)

2commenti

Le fake news sulla pandemia possono uccidere

A fine febbraio Sean Hannity (nella foto) negava o minimizzava la minaccia del coronavirus, mentre il suo collega Tucker Carlson spiegava al pubblico che l’epidemia andava presa sul serio

il pensiero dominante

Le fake news sulla pandemia possono uccidere

Uno studio sul pubblico di due opinionisti di Fox, uno scettico e uno allarmato, mostra tassi di mortalità divergenti. Ma vale per tutti i media?

5commenti

La lotta contro i genitori e l’homeschooling forzato

La critica, di rado esplicitata, alla pratica dell’homeschooling, è che lasci troppo potere alla famiglia, concepita come luogo dell’oppressione e dell’abuso

Il pensiero dominante

La lotta contro i genitori e l’homeschooling forzato

Una luminare di Harvard dice che il male dell’educazione è la famiglia, svelando l’ideologia che domina anche quando non abbiamo i figli a casa

1commento

Una disciplina illiberale per educarsi alla libertà

Rembrandt, “Aristotele contempla il busto di Omero”, 1653

Il pensiero dominante

Una disciplina illiberale per educarsi alla libertà

Rinunciare ai diritti individuali per il bene collettivo è possibile per i moderni aggrediti dal virus, ma fino a quando? Aristotele in quarantena

Commenta

La legge e il bene comune. Storia di un dissenso

Foto tratta da Wikipedia

il pensiero dominante

La legge e il bene comune. Storia di un dissenso

Un saggio radicale del giurista Vermeule ha fatto infuriare i liberali. L’idea della libertà, non la dialettica fra correnti, è il motivo del clamore

Commenta

La grande sfiducia prima della pandemia

Il Pensiero dominante

La grande sfiducia prima della pandemia

La crisi di fiducia di oggi non è iniziata con il populismo. La ricostruzione di un politologo tra le fattorie e il terrore degli intellettuali per Reagan

Commenta

La preghiera come problema politico

Le comunità religiose di mezzo mondo trasmettono le cerimonie online, ma le restrizioni imposte dalla pandemia hanno riattivato famiglie e comunità in preghiera (foto Reuters)

il pensiero dominante

La preghiera come problema politico

La quarantena-quaresima ha risvegliato la comunità orante. Rileggere un vecchio saggio di Daniélou per illuminare il valore pubblico dell’orazione

1commento

I tormenti della famiglia, da allargata a liquida

Una fotografia della famiglia Watson, nel 1916, riunita per il 50esimo anniversario di matrimonio di Henry Watson e Mary Elizabeth Weaver a Castile, in Pennsylvania

Il pensiero dominante

I tormenti della famiglia, da allargata a liquida

Un saggio di Brooks pone il problema del deterioramento degli obblighi morali verso chi non ci siamo scelti. La pandemia offre un banco di prova

Commenta

La solitudine forzata per capire il valore dei legami

il pensiero dominante

La solitudine forzata per capire il valore dei legami

La sola arma contro il contagio, l’isolamento, è anche ciò che più minaccia la società (e la produttività). Appunti da leggere rigorosamente a casa

Commenta

L'entusiasmo equivoco sullo smart working

Le misure emergenziali imposte dal coronavirus hanno amplificato il dibattito sullo smart working, pratica amata a parole ma ambigua nella concezione e nei risultati

il pensiero dominante

L'entusiasmo equivoco sullo smart working

Il lavoro smart è davvero intelligente? Breve indagine, anche etimologica, su una parola decisiva del nostro tempo e sulla sua fuorviante traduzione

1commento

La morte del sogno americano è fortemente esagerata

"Sconfiggi Washington, libera il sogno americano" recitava uno slogan del senatore libertario Rand Paul. Secondo l'analista Michael Strain, il sogno americano non è mai stato così libero

il pensiero dominante

La morte del sogno americano è fortemente esagerata

Il racconto del disastro della classe media, agitato da Trump e Sanders, alla prova dei fatti è fragile. Analisi contromano di un ottimista

Commenta

Multimedia

Servizi