cerca

Il manifesto scientifico mancante

Encomiabile la campagna pro vax dei sacerdoti del sapere (mi iscrivo al partito). Ma al vaccino contro l’aborto dispiegato e a capriccio, quand’è che ci penseranno?

13 Gennaio 2019 alle 06:16

Il manifesto scientifico mancante

foto LaPresse

Quello della scienza è uno strano partito. Al quale mi iscrivo disciplinatamente, con una riserva. La quadriglia magica Burioni & Silvestri & Grillo & Renzi ha decretato che dobbiamo vaccinarci tutti (ma “dobbiamo” è già di troppo per Grillo, vabbè). Ottimo, comunque. Poi ha decretato che la scienza, come le élite di Baricco, si mette in gioco: congetture, confutazioni, teorie, esperimenti, convegni, laboratori. Il metodo è decisivo: è aperto. La conoscenza il complemento necessario: studiate. Non discutiamo con chi dice che due più due fa cinque: d’accordo. Ma ogni idea o proposta è benvenuta, purché sia verificabile, cioè falsificabile. Vero e falso: la dialettica immortale del moderno pensiero scientifico, e della sua prassi, un orizzonte metodologico da fine della storia. Perfetto. Su questa base, immediato raddoppio dei fondi alla ricerca. Più che perfetto, doveroso. Potrei non essere del tutto d’accordo con le mie idee, ma a quelle della quadriglia magica io mi allineo. Con una riserva, appunto.

 

Manifesto scientifico mancante. Il concepito, un essere generando e generato, ha i cromosomi giusti di una individualità, come dice la scienza della chiesa, delle chiese, unica e irripetibile. Per l’anima si vedrà poi, e non è materia di sola verifica scientifica, ci sono di mezzo altre arti e riflessioni di valore (per esempio la filosofia, la credenza o fede, la letteratura, la poesia). Intanto il corpo. Qui non si discute con chi afferma che due più due fa cinque, vero? Segnalatone la presenza nel corpo di una donna, con la complicità di un seme maschile, il corpo esiste, anche o persino dal punto di vista scientifico. E’ tracciabile, come un conto in banca e anche di più. Fotografato, quel corpo prende delle sembianze che hanno dell’umano generico e specifico. Sembianze scientificamente acclarate e comprovate, sesso compreso a parte il gender: vere, non false. Sopprimere quel corpo con un intervento chirurgico o una pillola è possibile, è evento non raro, e codificato da leggi liberali inevitabili entro un certo limite: il limite dell’accertamento scientifico, oltre che dell’orientamento etico, ha qualcosa a che vedere con il pro choice e il pro life. Per dovere professionale, lo scienziato nel manifesto deve o dovrebbe scrivere, pura metodologia, che la scelta è l’omicidio, il più tremendo degli omicidi, come diceva il radicale Franco Roccella, una vita tutta intera dalla sua origine soppressa, annientata.

 

Il femminismo pro choice, e anche il maschilismo se è per questo, ha il diritto morale di rivendicare la autodeterminazione procreativa, la libertà da un impegno contratto attraverso l’amore, non voglio dire il peccato, per non complicare le cose. Il legislatore ha il diritto e il dovere di affidare la soluzione del problema, e che problema, a norme che non siano punitive e indecenti, che non coartino la libertà di vita della donna e del maschio inseminatore o del chirurgo non obiettore. I giuristi faranno i loro soliti salti mortali, decreteranno lo stato di eccezione, il Nondimanco del momento, e i teologi fiancheggeranno come possono il cosiddetto “profumo di costituzionalismo”. Mi va tutto bene, per dire così. Ma gli scienziati?

 

Se il criterio sia quello del vero e del falso, in teoria non hanno scelta: genetisti, biologi, medici. La libertà non è vera né falsa, è un’altra cosa, è un due più due che può anche fare cinque. Le religioni hanno compresso la libertà, in nome di un criterio apparentemente arbitrario che le leggi avevano secolarizzato in norma teologica? Male, diciamo così. Ma le scienze? L’encomiabile campagna sui vaccini traccia un limite a questa libertà individuale o familiare o sociale. E lo fa in nome di un vero accertato o accertabile, l’immunità cosiddetta di gregge, contro un falso presuntivo e inverificabile, il danno della vaccinazione obbligatoria. Non è un sofisma, è un sillogismo. Applausi, ripeto, e senza troppa ironia. Ma al vaccino contro l’aborto dispiegato e a capriccio, quand’è che ci penseranno? Ancora uno sforzo, un richiamo a politiche pubbliche rigorose di disincentivazione dell’omicidio scientificamente accertato, escluso il castigo, esclusa la Geenna, in nome della sacralità della scienza, e saranno più credibili o meno incredibili, almeno come sacerdoti del sapere o come élite capaci di rimettersi in gioco. The Game, appunto. 

Giuliano Ferrara

Giuliano Ferrara

Ferrara, Giuliano. Nato a Roma il 7 gennaio del ’52 da genitori iscritti al partito comunista dal ’42, partigiani combattenti senza orgogli luciferini né retoriche combattentistiche. Famiglia di tradizioni liberali per parte di padre, il nonno Mario era un noto avvocato e pubblicista (editorialista del Mondo di Mario Pannunzio e del Corriere della Sera) che difese gli antifascisti davanti al Tribunale Speciale per la sicurezza dello Stato.

Leggi il curriculum dell'Elefantino scritto dall'Elefantino

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Bacos50

    14 Gennaio 2019 - 12:12

    Il vaccino contro l'aborto c'è già: basta attivarlo. Si trova o si dovrebbe trovare nella testa delle donne e degli uomini. I bambini non nascono sotto i cavoli e chi vuol provare l'ebbrezza di un orgasmo, sa benissimo che prima o poi dovrà fare i conti con i frutti. Oggi, fatti salvi i casi di stupro o di grave pericolo della gestante, soltanto le sprovvedute abortiscono,. Se si vuole fare sesso senza conseguenze, è doveroso proteggersi e se proprio capita l’imprevisto, si può agire subito entrando in una semplice farmacia.

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    14 Gennaio 2019 - 10:10

    Antiscienza e scientismo sono due facce della stessa medaglia. Per chi conosce l'epistemologia è chiaro che la scienza non possa determinare né scelte politiche né scelte morali. Al più, le può informare con dati oggettivi. È chiaro che i vaccini, per essere efficaci, devono avere una copertura elevata della popolazione. Ma la scelta se rendere le vaccinazioni obbligatorie o meno è una scelta morale e politica, visto che comunque un vaccino, ci dice sempre la scienza, è un trattamento sanitario con potenziali effetti collaterali e renderlo obbligatorio è una violazione dell'habeas corpus. La scelta morale, qui, è il bilanciamento di un rischio individuale, per quanto limitato, con un beneficio collettivo. È legittimo che ci siano diverse sensibilità. Io propendo per l'obbligatorietà, ma comprendo la posizione libertaria. Parimenti, la scienza ci dice che l'aborto è l'uccisione di un essere umano. Ma decidere quali omicidi debbano essere perseguiti è una scelta morale e politica.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    13 Gennaio 2019 - 20:08

    Caro Emerito, a volte si scelgono compagni di letto che si rivelano strani, n'est pas?

    Report

    Rispondi

  • mristoratore

    13 Gennaio 2019 - 20:08

    È vero e giusto. Ma come?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi