cerca

Verifica di metà mandato sulle promesse di Raggi

Ecco gli undici punti del programma elettorale della sindaca. Dopo due anni il risultato è catastrofico

13 Gennaio 2019 alle 06:05

Mobilità

Roma a 5 stelle è Roma in movimento. I mezzi pubblici devono avere la priorità, subito corsie preferenziali protette e semafori intelligenti; la bicicletta deve diventare un mezzo sicuro ed efficace attraverso la realizzazione di corsie ciclabili leggere e stalli di sosta. Nuovi investimenti soprattutto sul ferro leggero di superficie e per la manutenzione dell’esistente. Tutte le nuove opere dovranno essere sicure, accessibili ed intelligenti. I disservizi sono arrivati al capolinea.

 


 

Corsie preferenziali: il contratto di servizio di “Roma Servizi per la mobilità” prevede la realizzazione di cinque corsie preferenziali (viale Libia, viale Eritrea, via Nomentana/Val d’Aosta e via di Valle Melaina) per un importo complessivo di 241 mila euro. Conclusi i lavori per viale Libia e viale Eritrea, gli altri invece non son neanche partiti. Semafori intelligenti: una sperimentazione era partita il 17 aprile dello scorso anno su un breve tratto di viale Trastevere lungo il tragitto del tram numero 8. Ad oggi la sperimentazione risulta interrotta mentre per il triennio 2019-2012 nel Documento unico di programmazione è previsto uno stanziamento per la realizzazione di ulteriori interventi. Corsie ciclabili e stalli di sosta: a Roma, dati forniti dall’amministrazione, soltanto lo 0,6 per cento dei cittadini si sposta i bicicletta. A novembre ha lasciato la Capitale anche l’ultimo servizio di bike sharing mentre restano sostanzialmente inutilizzate le poche nuove rastrelliere montate davanti ad alcuni uffici comunali. Investimenti, ferro leggero e manutenzione: nel Documento unico di programmazione 2019-2021 sono previsti 15 milioni di euro per la manutenzione del trasporto su ferro di superficie. Ad oggi, a parte gli interventi sui binari di Porta Maggiore della scorsa estate, poco o nulla si è fatto e anche l’acquisto di 50 nuovi tram previsto nel Piano Urbano della mobilità sostenibile è a livello di “proposta” da fare al ministero dei Trasporti come anche la richiesta fondi per le nuove tranvie. Resta sospesa la realizzazione della tranvia da San Paolo a Marconi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi