cerca

Pirozzi si candida ma Berlusconi lo boccia

Caotiche regionali 2018. Destra spaccata, sinistra periclitante, mentre il M5s fiaccato dalla Raggi si rifugia in provincia

Salvatore Merlo

Email:

merlo@ilfoglio.it

16 Novembre 2017 alle 10:31

Pirozzi si candida ma Berlusconi lo boccia

Sergio Pirozzi (foto LaPresse)

Quelle della primavera 2018 saranno le prime elezioni regionali che non si vincono scommettendo tutto, com’è stato fino a oggi, su Roma. Prima, soprattutto il centrosinistra, vincente nel 2013 con Nicola Zingaretti, puntava a fare il pieno nella Capitale per poi “contenere i danni” nelle altre province. Ma il nuovo tripolarismo italiano, la divisione dell’elettorato in tre gruppi che all’incirca si equivalgono per peso elettorale – centrodestra, centrosinistra e Movimento cinque stelle – precipita sul Lazio imponendo un nuovo schema e un nuovo modello anche di campagna elettorale. Si dovrà vincere mediamente un po’ dovunque, non soltanto a Roma. Ed è da qui che discendono una gran parte dei problemi che già adesso affliggono i tre poli. Nessuno se la passa bene. Non ci sono vincitori annunciati, malgrado la baldanza con la quale si muove e si esprime il centrodestra, che non ha ancora un candidato unitario, ma dopo le elezioni siciliane sembra comunque sospinto da una febbre d’entusiasmo che di solito, tuttavia, a quelle latitudini, porta a sonore pernacchie elettorali. Ma vediamo con ordine.

 

Il Movimento cinque stelle candida Roberta Lombardi, la nemica storica di Virginia Raggi. Con una certa intelligenza politica, con un insospettabile senso delle cose, Lombardi ha cominciato non a caso la campagna elettorale fuori Roma, dove ha piazzato la sede del suo comitato elettorale. Lombardi gioca a nascondino con Raggi, la dribla, evita di sovrapporre al suo volto quello della sindaca cadente, e batte molto la periferia dell’impero, appoggiandosi a quella rete di potere locale – si vota con le preferenze – che nel Lazio prima che altrove ha già in gran parte sostituito il vecchio “voto d’opinione” sul quale si fondava storicamente la forza del M5s, che ormai esprime sindaci, consiglieri comunali e provinciali, ciascuno con i suoi rapporti, i suoi consensi e le sue clientele. Non ci sono sondaggi veri e affidabili, ma l’analisi diffusa è che Lombardi ce la possa fare, ma solo se gli altri, il centrodestra e il centrosinistra, sbagliano tutto. Come sembra stia succedendo.

 

“Il nome per le regionali è Pirozzi. Meloni? Meglio Salvini”. Parla Storace

Il sindaco di Amatrice annuncia la sua candidatura, mentre l’ex presidente del Lazio difende Zingaretti dai pm e dice che la sfida regionale è solo con il Pd, e boccia Fdi

 

E infatti il centrodestra, che pensa di vincere le politiche, nel Lazio vagola pericolosamente. Ieri, come ampiamente previsto, Sergio Pirozzi, il sindaco di Amatrice, si è candidato alla presidenza della regione. Ma Forza Italia, come potrete leggere nella pirotecnica intervista qui sotto firmata da Valerio Valentini, non lo vuole. Silvio Berlusconi non ha alcuna intenzione di subìre una candidatura, dopo quella pur vincente di Nello Musumeci in Sicilia, che non sia espressione del suo mondo e della sua estetica elettorale. Ma Pirozzi non è ben visto nemmeno da Giorgia Meloni, che potrebbe risolvere la questione candidandosi lei (ma non ne ha intenzione, e dice, all’incirca: “Ho fatto il vicepresidente della Camera e il ministro a trent’anni. Ti pare che a quaranta mi candido nel Lazio?”). Non fa una piega. Così, accanto a Pirozzi, candidato ruspante e gentista di destra (leggete Marianna Rizzini qui a fianco), ci sono solo Francesco Storace, Gianni Alemanno, e un per adesso silenzioso, nascosto, e cauto Matteo Salvini. Si sta così componendo, a destra, uno scenario che ricorda quello delle ultime elezioni capitoline, quelle napoleonicamente vinte dalla Raggi. Anche allora il centrodestra si spaccò, con le candidature contrapposte di Alfio Marchini e Giorgia Meloni. Gli effetti sono noti, e disastrosi.

 

A sinistra, infine, si ricandida Nicola Zingaretti, impegnatissimo a tenere insieme una specie di “modello Lazio”: Pd e sinistra uniti. Come leggerete nella ricognizione di Gianluca De Rosa, il patto intorno a Zingaretti, questa idea di sinistra “larga”, sembra reggere. Tuttavia Zingaretti, specie se contrapposto in un testa a testa alla Lombardi e alla sua retorica anticasta, rischia di scontare gli anni passati al governo. Inoltre c’è un’incognita che riguarda la sinistra alla sinistra del Pd. Basterebbe che si staccasse un pezzettino, anche piccolo (Mdp e Sinistra italiana), capace di esprimere una candidatura minimamente appetibile per l’elettorato di sinistra-sinistra, abbastanza da indebolire, in una conta ai decimali, il fortino assediato del presidente uscente. E patatràc.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    16 Novembre 2017 - 18:06

    Silvio che ottimo naso su Pirozzi ha sentito un odore non gradevole. e così non lo ha messo in squadra. Ma come ? Tre secondi dopo il terremoto metteva già il muso in piena camera per mostrare quanto era bravo.Un volgare opportunista.luigi de santis

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    16 Novembre 2017 - 17:05

    Con tutto il rispetto per Pirozzi che si è dimostrato sindaco volenteroso e combattivo di Amatrice, comune montano di circa 2500 abitanti credo che per il Lazio occorra qualcuno con più esperienza manageriale e politica.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    16 Novembre 2017 - 15:03

    Come al solito, inizia male nel centrodestra la corsa per il presidente della giunta regionale del Lazio.

    Report

    Rispondi

Servizi