cerca

Sì, la giustizia è impazzita. Parla Coppi

Carriere inseparabili, Csm irriformabile, magistrati mediatici e ora la riforma di un “ministro improvvisato”, Bonafede. Chiacchierata a tutto campo con l’avvocato più famoso d'Italia

1 Agosto 2019 alle 06:00

Sì, la giustizia è impazzita. Parla Coppi

Franco Coppi (Foto LaPresse)

Roma. “Nei tribunali c’è un tale degrado che mi è passata la voglia di andarci”. Il professor Franco Coppi appare tormentato e non lo nasconde. La chiacchierata su vita e morte del diritto attraversa il principio e la fine di un’esistenza: la sua. “Volevo fare il pittore ma non avevo dentro il sacro fuoco del pittore. Neppure quello dell’avvocato, a dire il vero. Dicono che non si dovrebbe vivere di rimpianti, che al termine di un ciclo sei quello che...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Annalisa Chirico

Classe 1986. Dottorato in Teoria politica alla Luiss Guido Carli, apprendistato pannelliano e ossessione garantista. Scrive di giustizia, politica e donne. "Siamo tutti puttane - Contro la dittatura del politicamente corretto" è il titolo del suo bestseller. Sul suo profilo Facebook si legge la seguente frase: "La mente è la mia chiesa, i tacchi il mio paracadute". Presiede Fino a prova contraria - Until proven guilty, il movimento cool per una giustizia giusta ed efficiente.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    01 Agosto 2019 - 23:11

    Al direttore - E pensare che la parte migliore dell'Italia vuole eliminare Salvini. L'unico che può buttare all'aria la riforma Buonafede grillina. La Casaleggio&Co, ha scelto il suo padrone e si prostra schiava.

    Report

    Rispondi

  • verypeoplista

    verypeoplista

    01 Agosto 2019 - 10:10

    Si, solo Lei riesce a darci il "Campionissimo" della Giustizia: sono d'accordo su quasi tutto ma la prima cosa da fare è la separazione delle carriere; una "cosa" è la pubblica accusa, altra è il processo. In Italia purtroppo (vedi "Mani pulite" e altri episodi) nella mente di qualche operatore della giustizia le due funzioni si sintetizzano in un unicum ma fisiologicamente sono gruppi di neuroni a agire con gli "intorni" ad essi: tanti "pezzettini diversi" per dare il tutto come nell'intelligenza umana e le prime applicazioni di I.A. . Un auspicio, facciamo si che l'intelligenza umana ci aiuti a applicare meglio i principi e le azioni conseguenti per la gestione della Giustizia.

    Report

    Rispondi

Servizi