cerca

Savoini e l’invasione della Polonia, Borghi e i minibot. Salviniani alternativi

Dai vaccini agli extraterrestri, dai nazi-putininani ai minibot. Tutte gli ispiratori “alternativi” del Capitano

19 Luglio 2019 alle 06:07

Savoini e l’invasione della Polonia, Borghi e i minibot. Salviniani alternativi

Foto LaPresse

Roma. I giornalisti, al suo seguito nel viaggio istituzionale in Finlandia per il vertice con i ministri dell’Interno dell’Unione europea, hanno notato che Matteo Salvini ha gli occhi rossi. Il ministro soffre di allergia, un disturbo non particolarmente grave che affligge milioni di italiani che trovano sollievo per via farmacologica (collirio o compresse). “Vuole un antistaminico?”, gli chiede un giornalista di Repubblica. “No, sono per la medicina alternativa”, ha risposto Salvini.   La “medicina alternativa” è alternativa alla medicina sperimentale...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Luciano Capone

Luciano Capone

Sono cresciuto in Irpinia, a Savignano. Sono al Foglio da 12-13 anni, anche se il Foglio non l’ha mai saputo, da quando è diventato la mia piacevole lettura quotidiana. Dal 2014 sono sul Foglio e stavolta lo sa anche il Foglio. Liberista sfrenato, a volte persino selvaggio.

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • F. Malvezzi

    02 Agosto 2019 - 18:06

    Caro Luciano Capone, la risposta pronta del Prof Paolo Bellavite, ex Professore di Patologia Generale all'Università di Verona, al suo commento non riporta che l'ex Professore si è occupato ( e si continua ad occupare) di omeopatia, disciplina su cui ha investito 20 anni della sua attività di ricerca e conclusasi disgraziatamente il 20 giugno scorso con una retraction di un lavoro sperimentale sulla prestigiosa rivista PlOS One per motivi scientifici e di conflitto d'interesse con la Boiron, finanziatrice delle sue ricerche. La Retraction per un ricercatore è un marcio d'infamia. Di questo, nella sua garbata e puntuale precisazione sulla sua figura accademica non parla. E ci si chiede: chissà perchè. Vorrà nascondere qualcosa? Dopotutto quelle lì sono state ricerche alla luce del sole, perchè non riportarle? Forse perchè non è dignitoso parlare di omeopatia sul suo biglietto da visita. E' cosa superata: adesso si occupa di no vax. Prof. F. Malvezzi-Università Roma 3

    Report

    Rispondi

Servizi