cerca

La crisi della sinistra che sa dire solo onestà

Osannava la questione morale di Berlinguer, e gli italiani sono diventati populisti. Tifava Mani pulite, e si è ritrovata Salvini. Adorava i pm, e ha scoperto i guai del Csm. Lo storico sbaglio di sostituire la giustizia sociale con la giustizia penale

12 Giugno 2019 alle 06:07

La crisi della sinistra che sa dire solo onestà

Foto Imagoeconomica

"Il paradiso si allontanava sempre più nei nimbi del futuro. Nel presente aumentavano la fame, il freddo, le epidemie e l’odio reciproco. Perché l’operaio indigente odia in egual misura il ‘ricco borghese’ e il suo stesso compagno, il quale ha saputo o avuto la fortuna di procurarsi un pezzo di pane". Così il grande intellettuale russo Lev Šestov inchiodava, già nel 1920, il fallimento della rivoluzione bolscevica che avrebbe dovuto portare alla giustizia sociale. Ma forse già intuiva anche il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa

Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Silvius

    14 Giugno 2019 - 10:10

    Lucido come sempre.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    12 Giugno 2019 - 20:08

    Tutta la costruzione culturale della sinistra marxista-leninista, quando parlano di "sinistra" alludono a quella, non esprime l'odio verso i "borghesi", ma l'odio verso l'uomo come essere libero e pensante autonomo. La dittatura mondiale del pensiero unico. Ricordate il "lumpenproletariat"?

    Report

    Rispondi

  • CohleandHart

    12 Giugno 2019 - 14:02

    Stampare e diffondere presso gli amici che votano PD.

    Report

    Rispondi

  • albertoxmura

    12 Giugno 2019 - 12:12

    Articolo che andrebbe incorniciato e appeso in tutte le sedi del PD.

    Report

    Rispondi

Servizi