Il guaio del Csm non sono le correnti, ma Lotti. Maddai!

Maurizio Crippa

Fare dell'ex ministro (o del prossimo politico) il simbolo del male di un sistema in cui il male è invece altro, e sono i comportamenti dei magistrati, e non dei politici, è truccare le carte

Davanti all’intercettazione di Luca Lotti che dice del vicepresidente del Csm David Ermini “però qualche messaggio gli va dato forte”, mi piacerebbe poter esclamare, come una Francesca Cipriani qualsiasi al cospetto di Salvini: “Quella voce mi ha scombussolato”. Ma non va così, il circo mediatico è una ruota, e se sei caduto in basso come Lotti la tua voce fa schifo. Però qualcosa non quadra. Luca Lotti è un deputato, ed è anche come si sa un imputato, ma in una faccenda che nulla c’entra col Csm. E’ stato intercettato, intercettazione ambientale, mentre inopportunamente (certo) parlava con Palamara e altri di magistratura. L’intercettazione è pubblicata, ed è regolare che lo sia, anche se è del tutto inutile. Parlare con Palamara non è un reato, seppure il pg di Cassazione Riccardo Fuzio abbia detto che “si è determinato l’oggettivo risultato che la volontà di un imputato abbia contribuito alla scelta del futuro dirigente dell’ufficio di procura”, eccetera. L’oggettivo sfugge un po’. Ma soprattutto, fare di Lotti (o del prossimo politico) il simbolo del male di un sistema in cui il male è invece altro, e sono i comportamenti dei magistrati, e non dei politici, è truccare le carte, è impedire la comprensione dei fatti. E quando l’ex procuratore nazionale antimafia e fresco europarlamentare del Pd Franco Roberti sentenzia che “ci troviamo di fronte a fatti gravissimi, che aprono una questione morale… che riguarda i magistrati ma anche la politica. A partire dal Pd”, è chiaro che la comprensione dei fatti è proprio poca. Se lo ricorda, Roberti, quel che diceva Caponnetto del Csm?

Di più su questi argomenti:
  • Maurizio Crippa
  • "Maurizio Crippa, vicedirettore, è nato a Milano un 27 febbraio di rondini e primavera. Era il 1961. E’ cresciuto a Monza, la sua Heimat, ma da più di vent’anni è un orgoglioso milanese metropolitano. Ha fatto il liceo classico e si è laureato in Storia del cinema, il suo primo amore. Poi ci sono gli amori di una vita: l’Inter, la montagna, Jannacci e Neil Young. Lavora nella redazione di Milano e si occupa un po’ di tutto: di politica, quando può di cultura, quando vuole di chiesa. E’ felice di avere due grandi Papi, Francesco e Benedetto. Non ha scritto libri (“perché scrivere brutti libri nuovi quando ci sono ancora tanti libri vecchi belli da leggere?”, gli ha insegnato Sandro Fusina). Insegue da tempo il sogno di saper usare i social media, ma poi grazie a Dio si ravvede.

    E’ responsabile della pagina settimanale del Foglio GranMilano, scrive ogni giorno Contro Mastro Ciliegia sulla prima pagina. Ha una moglie, Emilia, e due figli, Giovanni e Francesco, che non sono più bambini"