cerca

Ha stravinto il centrodestra

Perché le amministrative non segnano una nuova tendenza per l’opposizione

10 Giugno 2019 alle 19:54

Ha stravinto il centrodestra

Matteo Salvini (foto LaPresse)

I ballottaggi concludono una fase di voto amministrativo, quindi il loro esito va letto all’interno di quello complessivo, altrimenti si riceve un’impressione distorta. Dire che centrodestra e centrosinistra ottengono un egual numero di sindaci al ballottaggio dà la sensazione di un pareggio, ma se si guarda al fatto che nell’insieme il centrosinistra che governava due terzi dei comuni capoluogo nel 2013 (70 su 110) ora ne ha mantenuti 40, contro i 53 del centrodestra, si vede un quadro dai colori diversi. La destra cresce, la sinistra arretra. Cosa che non si può dire dei 5 stelle, che invece hanno vinto nell’unico ballottaggio cui erano riusciti ad arrivare (Campobasso), ma al primo turno hanno perso tutti i quattro comuni che governavano. Tra Pd e 5 stelle la differenza sta nell’apprezzamento dei sindaci uscenti. Quelli del Pd vengono rieletti anche in situazioni, come quella di Bergamo o di Bari, in cui il contemporaneo voto europeo favoriva la Lega di governo.

  

Ai ballottaggi delle comunali vincono tutti. Ma Salvini un po' di più

La Lega e il centrodestra strappano Ferrara al centrosinistra dopo 70 anni e nei due turni conquistano 5 capoluoghi in più di quelli che avevano. Il M5s celebra la vittoria a Campobasso. E il Pd: “Abbiamo prevalso in 3/4 dei ballottaggi”

 

I sindaci grillini, se anche si ripresentano, di solito vengono battuti. La sintesi è che il vento elettorale continua a soffiare verso destra. I casi di convergenza elettorale tra democratici e 5 stelle sono sporadici e la condizione del Pd è quella di chi ha evitato una débâcle distruttiva ma non ha invertito la tendenza al declino. E’ interesse soprattutto del Pd e in generale delle opposizioni avere chiaro il quadro reale della situazione elettorale, perché se non si comprende che i casi di resistenza vittoriosa non segnalano una nuova tendenza si rischia di illudersi che per riprendersi basti la caccia, fin troppo facile, all’errore della maggioranza o la speculazione sulle sue divisioni interne. Il dato dominante di questa tornata è infatti l’affermazione della Lega, dalle inesplorate terre del sud alla penetrazione nelle antiche roccaforti rosse fino alla vittoria del centrodestra in Piemonte ottenuta con un candidato semisconosciuto che si contrapponeva a una vecchia ma solida bandiera della sinistra come Sergio Chiamparino. Il Pd dovrebbe stare attento. Non è vero che il peggio è passato, e sostenerlo pone le basi per un peggio ancora peggiore.

Redazione

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    10 Giugno 2019 - 20:08

    Buttiamola sul classico: "Fuse lugete, Veneres Cupidinesque artificiorum: Trux denuo vicit." Il casotto, fonte di tante ambasce nasce dal fallimento del bipolarismo agognato: Csx - M5S. Si sta riproponendo quello nato nel 1948. Protagonisti diversi e per certi versi anomali, ma in sostanza la naturale, storicamente consolidata tendenza bipolare dell'elettorato nostrano.

    Report

    Rispondi

Servizi