cerca

La mistica delle gente semplice è una turlupinatura

Il popolo di cui parlano Bannon e Galli della Loggia, che strana coppia, è un’insopportabile caricatura. Ora l’apologia della rivolta della classe media contro le élite è diventata la nuova correttezza politica

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

9 Ottobre 2018 alle 06:00

La mistica delle gente semplice è una turlupinatura

Foto Pixabay

La mistica della gente semplice, abbracciata da Bannon e da Galli della Loggia, che strana coppia, è una turlupinatura. Bannon vuole dare voce alle classi popolari americane e europee tradite dalla globalizzazione, bla bla bla, che fa gli interessi strategici del mostro cinese e avvilisce la middle class, senza peraltro proporsi il tema delle classi popolari cinesi, asiatiche, africane, sudamericane, piuttosto numerose: non hanno diritto anche loro, a parte la ciotola di riso fino a ieri mancante, di consistere in competizione con noi come gente semplice dotata di un’auto, di una casa, di una pensione, di infrastrutture, sanità, mobilità individuale e familiare, magari un piccolo patrimonio? Galli della Loggia dà la colpa come sempre ai comunisti, ai quali un tempo rimproverava di non essere abbastanza liberali e globalizzatori e modernizzatori. Oggi li rampogna perché non hanno mai creduto, vero, in una nozione di popolo come folla anonima destrutturata, piccolissima borghesia fiera delle sue incoerenze e volatilità, orgogliosa della sua ignoranza e pronta a cedere il passo a demagoghi privi del congiuntivo e di molte altre cosette come il senso della storia, dello stato e una infarinatura sulle leggi bronzee dell’economia finanziaria.

    

I due teorici sono membri illustri delle élite, accademia italiana e Harvard, ma la trahison des clercs è in agguato. “Il nostro è un tempo in cui uomini di pensiero o che si dicono tali affermano di non voler sottomettere il loro patriottismo a alcun controllo razionale, proclamano (come Maurice Barrès) che ‘se la patria avesse torto, bisognerebbe darle ragione’, dichiarano traditori della nazione i loro compatrioti che mantengono al riguardo la libertà dello spirito o almeno di parola” (Julien Benda, “La Trahison des clercs”, fine anni Venti). Insomma, se io dico che Soros è un capitalista e uno speculatore benemerito piuttosto che un nemico del popolo, perché arricchendo sé stesso ha arricchito il mondo, e i suoi soldi li ha anche spesi (o buttati, vista la replica ungherese di Orbàn) per la democrazia nell’est europeo, sono un disertore degli interessi elementari, giudeo-cristiani (oops!) delle classi popolari. E se insisto che il Truce e Giggino sono degli scappati di casa di successo, allora sono un elitario che non capisce la gente semplice e i suoi riflessi condizionati d’ordine e di autotutela, esplosi dopo la crisi dell’establishment e le turbolenze del 2008, il popolino che disprezzo perché privo dei partiti, della cultura, della disciplina e della razionalità borghese cosmopolita.

      

Ma non è così. Nel suo libro un po’ sulfureo ma divertente sul destino francese, il nazionalpopulista Eric Zemmour cita un vecchio libro del giurista e filosofo della storia Carl Schmitt, “Terra e mare”, in cui questo gigante intellettuale che si compromise col nazismo, ma ne conosceva bene le premesse, spiega che alla radice di tutto sta uno scontro tra concezioni del mondo. “Secondo la raffinata analisi di Carl Schmitt, c’è un legame logico tra il mare, il protestantesimo calvinista, il commercio e il libero scambio, il costituzionalismo e il parlamentarismo, il capitalismo e l’ideologia dei diritti dell’uomo. E a contrario lo stato, la terra e il cattolicesimo romano, la nazione e le frontiere stanno assieme”. Ora, io sono papista di condizione naturale, ma cristiano riformato per curiosità intellettuale, e alla fine un laico lettore di Karl Marx il quale crede che la libertà per tutti, e una compatibile misura di eguaglianza, viene dallo sviluppo mondiale delle forze produttive, non dall’ancoraggio alla terra e alla nazione: “Proletari di tutti i paesi, unitevi!” era un concetto diverso da “popolino ribellati in nome della nazione”.

  

Insomma, ognuno se la mena come può. Ma non venite a dirmi che i trionfi di Trump, di Putin, di Duterte e di Bolsonaro, legati come sono alla mistica della gente semplice, esprimono qualcosa di diverso e di più saliente della nevrastenia contemporanea, un’ondata schiumosa che porta come detrito non i popoli ma la loro insopportabile caricatura. Ci fu un’epoca intera in cui era felicemente scorretto parlare rapiti di popolo, di scontro di civiltà e di imperialismo democratico e liberale, si era come i pirati conquistatori del mare su mandato di Elisabetta I d’Inghilterra, ora l’apologia della rabbia, frustrazione e rivolta della classe media contro le élite internazionaliste è diventata una filastrocca sgradevolmente conformista, la nuova correttezza politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    11 Ottobre 2018 - 17:05

    Sacrosanto: le due facce della medaglia. Ma questo rilievo mette in evidenza, impietosamente, la ineliminabile, possiamo dire necessaria?, intrinseca, caratteristica dell'uomo: quella della facoltà di ingannare se stesso. È uno status universale, ancestrale: non ce ne rendiamo nemmeno conto. Ma tutta la Storia dell'uomo l'ha scritta quella caratteristica. Avvalendosi del suo essere declinabile ad libitum. Ipsa inexplicata res: sic fuimus, sic sum, sic erimus. Ovvio, naturale la si personalizzi, solo che il nodo non è lì.

    Report

    Rispondi

  • La-Fenice

    La-Fenice

    09 Ottobre 2018 - 18:06

    A me pare che bisognerebbe riflettere ed approfondire molto la radicale svolta, operata da Clinton e Blair, con la quale venne abrogata la Legge Glass-Steagall , che separava nettamente le banche commerciali dalle banche d'affari. Uno spostamento verso la finanza e verso il rischio della ricchezza mondiale, i cui effetti si vedono, anche oggi, chiaramente nella finanziarizzazione dell'economia mondiale ed europea. Le banche inseguono il rischio, ad ogni costo e le borse ne sono i campi di battaglia. E' stata questa la vera rivoluzione (negativa) per il benessere dei popoli, rivoluzione che ha accentuato e amplificato la differenza tra pochi ricchissimi e masse sempre più "schiavizzate". E di questa separazione nessun esperto, studioso, politico, giornalista, parla, spiega, illustra.

    Report

    Rispondi

  • Beresina

    Beresina

    09 Ottobre 2018 - 15:03

    Ferrara dovrebbe rileggere Lasch che quasi per caso ho letto recentemente. Lasch non ha mai parlato di rivolta del popolo contro le èlite ma al contrario ha accusato, e a ragione, già le èlites americane del suo tempo (scrive negli anni 90) di essersi chusa in una torre d'avorio distaccata dalla realtà del loro paese solo preoccupata ad arricchirsi in una economia finanziarizzata e totalmente svincolata dai vincoli territoriali che condizionavano la vecchia economia industriale. Sono le èlites che si sono ribellate contro il popolo e non il contrario, Non per niente il suo libro si chiama "La rivolta delle èlites". tutto questo, al di là di quello che si voglia pensare di schmitt, non ha niente a che vedere con le tesi abbondantemente fumose del filosofo tedesco, con i difetti di cui abbonda tutta la filosofia tedesca.

    Report

    Rispondi

  • mussini

    09 Ottobre 2018 - 14:02

    Però, caro Carl Schmitt, e anche caro Giuliano, il “cattolicesimo romano” ha anche determinato il capitalismo medievale, le repubbliche marinare, i pellegrinaggi che hanno diffuso pietà, cultura e mercato in tutta Europa. Quanto alla mistica delle frontiere, è invenzione dello Stato moderno, così come l’esaltazione della nazione: sino alla Francia giacobina e napoleonica (allons enfants de la patrie…)

    Report

    Rispondi

    • mauro

      09 Ottobre 2018 - 23:11

      Il termine "mistica delle frontiere" appartiene certo alla modernità, le frontiere fuono inventate invece dai nuclei di una sorta di civiltà più avanzate che volevano tener fuori quelli che, per loro ma anche secondo un criterio di oggettività, erano i "barbari. Fino al terzo secolo della nostra era la civiltà occidentale (il termine può essere usato anche per quel periodo) viveva tranquillamente, mentre fiorivano architettura, lettere ed arti, all'interno di ben guardate frontiere; poi le frontiere non furono più guardate e i barbari dilagarono. Un pò quel che accade quasi insensibilmente alla civiltà occidentale senza frontiere oggi.

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

Servizi