cerca

Per una rivolta di energia, rabbia e furore

L’orgia nazional-socialista e sovranista e populista che incombe sulle elezioni europee si può fermare con gente nuova, capace di fair play e odio politico

2 Settembre 2018 alle 06:06

Per una rivolta di energia, rabbia e furore

foto Pixabay

Energia, quella che mi manca personalmente. Rabbia e furore non mi mancano, eppure sento che non sono sul mercato, sono inafferrabili. Energia, rabbia e furore sono mi pare la chiave di tutto in questo momento italiano. Europeo. Mondiale. Può essere che il Texas resti al senatore Ted Cruz, può essere che Beto O’Rourke ce la faccia a prenderselo. Un Obama bianco. Mah. E’ un giovane democratico, liberal ovvero di sinistra, dice cose che non sfrigolano sul barbecue ma non contrastano...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • borlavanna

    03 Settembre 2018 - 09:09

    Caro Ferrara, un leader con la passione incendiaria il PD ce l'aveva e guarda che fine gli hanno fatto fare. Ormai non basterebbe più neanche questo, ai signori SIVEN e MATAP gli italiani perdoneranno sempre tutto e per cosa? per 4 negher. Tutto il resto è noia, no, non ho detto gioia, come diceva il grande Califano, barbaro si, ma di gran talento (cosa che ai suddetti manca del tutto)

    Report

    Rispondi

  • tenen314

    03 Settembre 2018 - 09:09

    Nazionalsocialismo?! Dove sono le SA e le SS? L'auspicata, impetuosa, travolgente controffensiva dovrebbe cominciare con una buona tazza di camomilla.

    Report

    Rispondi

  • gpcanz

    02 Settembre 2018 - 20:08

    Mi manca il Giuliano Ferrara che mi dava da pensare. In questa infinita deriva tardo-montanelliana mi mancano la sua ironia e il suo pragmatismo e le tonnellate di insulti che ho preso per venti e più anni sostenendolo di fronte ai detrattori. Del Ferrara che mi chiama a imbracciare il fucile davvero, con dispiacere, non avevo bisogno.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    02 Settembre 2018 - 18:06

    La metto qui, Giuliano Ferrara apprezzerà. Titoli degli articoli del Foglio di Domenica – Matzuzzi, La guerra civile nella Chiesa – Marcenaro, La lezione di Lucio Dalla a Zingaretti – Redazione, Grandi opere, grande inaffidabilità – Toscano, L’isola che non Lega - Ferrara, Per una rivolta di energia di rabbia e furore. Letture impegnative, corpose, edificanti. Tutti bravi, intendiamoci. La chiusura migliore, in assoluto, è in Marcenaro: “dolcemente, intendiamoci, molto dolcemente, aveva fatto partire la sua mano.”

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi