cerca

Coraggio, serve il Whatever it takes per mandarli a casa

C’è una situazione anomala e mortale per la democrazia liberale in Italia. Più lavoro, più salari, rilanciamo pure l’Unità

Giuliano Ferrara

Email:

ferrara@ilfoglio.it

16 Giugno 2018 alle 06:00

Coraggio, serve il Whatever it takes per mandarli a casa

Il presidente Mattarella con il governo Conte (foto LaPresse)

Nel nuovo mondo vale una regola sopra tutte le altre. Non farsi mai intimidire. Altrimenti è finita. Tu puoi spiegare che Tria ha buttato il contratto. Che Salvini è un banale ricattatore travestito da uomo forte e alleato a quelli che gli immigrati li vogliono tutti in Italia e in Grecia, perché sono un branco di etnofobi, xenofobi e razzisti antisemiti. Che Casaleggio lavora per una democrazia diretta da lui e dai suoi manager e trafficanti di ideologia, consenso e affari, a buon bisogno. Che Macron ha una bella famiglia e una splendida moglie, e i gerontofobi non sono fascisti, sono dei cagoni. Che sulla Luna qualcuno è sbarcato. Che le scie chimiche sono nella testa di un sottosegretario grillozzo. Che Di Maio, Raggi, Giorgetti, Parnasi e Lanzalone fanno quello che tutti i politici del mondo hanno sempre fatto, ma lo travestono da trasparenza, onestà e popolo, e in questo è lo scandalo. Che il decreto dignità è poco dignitoso. Che i negher sono assai meglio di quei bianchi dei miei stivali, e purtroppo sono pochi. Ma se tutto questo lo dici con la tremarella, meglio che te ne stia zitto.

   

Su la testa, ecco tutto. Primo, istituire il premio Draghi: whatever it takes pur di sloggiare questi analfabeti ridondanti e cattivi dalla stanza dei bottoni, sono capaci di metterci tutti alla fame in men che non si dica. Secondo, convocare al più presto una grande manifestazione a Milano e a Napoli per aumenti salariali e di stipendio generalizzati: più sette per cento di media, contrattazione nazionale, di settore, aziendale, e una caterva di scioperi per un Piano nazionale del lavoro e del salario, altro che superamento della Fornero e del Jobs Act, altro che la tremebonda Camusso, “questi parlano anche ai nostri”. Terzo, convocare al più presto una manifestazione di proporzioni disumane a Roma, scegliere quello del centro sociale di Garbatella come candidato sindaco, visto che i partitanti sono lì che aspettano la formazione di una coalizione di partitini tra i quali scegliere un signor nessuno, pretendere le dimissioni della signora Raggi, denunciare la puzza di malaffare e l’opportunismo bieco di Caltagirone, il Caltagirone sbagliato, a Fra’ ma a che servi? che licenzia i giornalisti seri e ammansisce quelli fru fru per competere con i Parnasi. Quarto, crowdfunding, manifesti 8 per 10, rilancio dell’Unità con contenuti bestiali (il Foglio è già praticamente all’avanguardia, ma servono rincalzi gramsciani al fogliuzzo einaudiano e postcrociano), un’ondata di pernacchi e sberleffi su chat che se la ricordino, questi patrioti così fervorosi, per una vita.

   

Ecco, voglio dire che ha ragione Ricolfi, distinguere e dire cose esatte, ha ragione Panebianco, eliminare la zavorra, ha ragione Umberto Minopoli, chissenefrega se Renzi è antipatico, ha ragione Salvati, fare politica con cautela, ma qui non bisogna stare a discutere Calenda o non Calenda, bisogna prendere atto di una situazione anomala, e mortale per la democrazia liberale in Italia. 

      

Bisogna estendere all’Europa intera, salvo i governi di Visegrad, la lotta contro gli sciamannati e gli energumeni di casa nostra, vanno duramente sputtanati per come meritano, altro che scuse. Berlusconi era un dignitoso liberale democristiano, e hanno fatto i girotondi. Questi sono degli squadristi del popolo, bisogna fare le barricate. E se poi vincono in Baviera, se accerchiano Parigi, resta sempre la consolazione che le abbiamo prese ma gliene abbiamo dette di vere, sacrosante. Si lavora per la storia, avanti compagni verso un nuovo medioevo! Attaccate, attaccate, qualcosa resterà, e non lasciatevi calunniare, intimidire in nome del popolo. Il popolo è mille volte uno pazzo, ha votato scemo e se ne sta già rendendo conto, ma bisogna che gli arrivi un messaggio alto, basso, chiaro e forte, violento nell’immagine, scurrile e civile nei comportamenti, feroce nella dissuasione: con tutto il rispetto, i somari a casa, subito.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    17 Giugno 2018 - 13:01

    Giuliano Ferrara: “C’è una situazione anomala e mortale per la democrazia liberale in Italia.” Sacrosanto, vero. Peccato che da noi sia assente il soggetto sotto minaccia mortale: la democrazia liberale. Forse confonde Palazzo Chigi con l’Eliseo. Silvio Berlusconi nella sua affascinante, gioiosa pop follia, aveva individuato l’obiettivo: riformare lo stato in senso liberale. Era chiaro che l’Italia post tangentopoli era tutto tranne che uno stato liberal democratico. Non mise nel conto che la tigna del micragnoso sistema preferisse l’immobilismo. Infatti.

    Report

    Rispondi

  • canefantasma

    17 Giugno 2018 - 11:11

    Caro Ferrara, questo governo è composto da una cricca inguardabile. Credo anche sia un governo pernicioso per le sorti economiche del nostro paese. Ma opporsi all'immigrazione è sacrosanto. Gran parte dei voti confluiti a questo governo sono il prodotto dalla frustrazione e della paura generati dalla immigrazione.

    Report

    Rispondi

  • Carlo A. Rossi

    17 Giugno 2018 - 00:12

    Ormai scrivo, ma mi rendo conto che dare contro all'Elefantino non conviene. Ma tant'è. Quel che mi piaceva del Foglio era l'assenza dei pregiudizi, era soprattutto leggere commenti che non fossero quelli dei soliti intelligenti a prescindere. Berlusconi fu difeso giustamente in molti contesti. Ma io ora non capisco più nulla: quando comincio a leggere di un politico o di politici che sono una banda di "razzisti, xenofobi", financo antisemiti, beh, comincio a credere che qualcuno abbia perso il lume della ragione. Ferrara, quanti ebrei in Italia dall'insediamento del governo M5S sono stati aggrediti per strada? Ah, no, quello succede nella Sua patria elettiva, quella dell'enfant prodige, che stupido sono. E pure, se non ricordo male la cronaca, dove governa quell'illuminata imperatrice di Angela Merkel. Ci illumini, Ferrara, per favore, con qualche altra perla come questa. Lei sfotteva il professore palindromo: ora parla proprio come lui. Che triste spettacolo di fine carriera.

    Report

    Rispondi

  • Millyfuj

    16 Giugno 2018 - 19:07

    Aumenti salariali del 7% in media? E con quali soldi, se la produttività è ferma? Prima si fa aumentare la produttività, poi si aumentano i salari: il viceversa è ricetta grillina bolivarista, che ovviamente non funziona. Per il resto...alla pugna!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi