Ma petite Patrie, Grandeur française

L’Italia è il paese che amo, ma è soltanto la Patria naturale, con il suo presidente legale. La mia Patria di stato è dov’era Mazarino e ora c’è Macron, magnifico e un po’ ipocrita. Altro che pardon a questi mentecatti

15 Giugno 2018 alle 06:00

Ma petite Patrie, Grandeur française

Parigi, al Louvre la mostra "Delacroix (1798-1863)" (foto LaPresse)

“… sic nos et eam patriam dicimus ubi nati et illam qua excepti sumus. Sed necesse est caritate eam praestare qua rei publicae nomen universae civitati est pro qua mori et cui nos totos dedere et in qua nostra omnia ponere et quasi consecrare debemus. Dulcis autem non multo secus est ea quae genuit quam illa quae excepit. Itaque ego hanc meam esse patriam prorsus numquam negabo dum illa sit maior haec in ea contineatur. * duas habet civitatis sed...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Carletto48

    15 Giugno 2018 - 15:03

    Come dice giustamente Lupimor la Patria significa la terra dei nostri padri. A conferma di ciò riporto quello che hanno fatto migranti abruzzesi del paese di mio padre che andando per necessità negli States, lì hanno trovato lavoro, posizione e potuto accudire alla propria famiglia. Ebbene, un anno sì ed un anno no, sono sempre tornati per le vacanze al paesello, finchè sono rimasti in vita, ritrovandovi parenti, amici e memorie e potendosi finalmente esprimere in dialetto.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    15 Giugno 2018 - 14:02

    Patria significa la terra dei nostri padri naturali. Non la Terra che ci ha accolto. Non sempre, anzi quasi mai per bontà d’animo o per imperativo morale. Quella è l’equivalente del padre adottivo. A volte amato più spesso detestato. I terroristi della seconda o terza generazione ne sono la riprova. Mais glisson. L’atteggiamento di Julien, nasconde il rimpianto “per le rose che non colsi” ed è comprensibile. Ultima considerazione: Patria e Nazione, non sono la stessa cosa. Possono coincidere nel “my country, right or wrong”? Forse no, figuriamoci se possano coincidere in “my Eu, right or wrong” Parafrasando: “Disgraziata quella parte che ha bisogno di eroi della morale.

    Report

    Rispondi

  • joepelikan

    15 Giugno 2018 - 14:02

    Che noia. Di forestierizzanti ne abbiamo un sacco e una sporta. E forse, un po' dei nostri problemi da lì derivano. Finché non impareremo a dire "right or wrong, my Country", rimarremo sempre nel pantano. Io sono arcitaliano, e degli antitaliani ne ho piene le tasche.

    Report

    Rispondi

  • enzo.cn

    15 Giugno 2018 - 13:01

    Caro Julien, non credo esista un solo francese che in un contesto analogo avrebbe assunto una presa di posizione come la sua (che purtroppo rimanda all'immagine di un'Italia cortigiana, asservita e imbellettata di cultura).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi