cerca

Salvini continua la campagna elettorale: “Via i rom irregolari dall'Italia”

Il ministro dell'interno propone un censimento per vedere “chi, come e quanti sono. Chi non è in regola verrà espulso, gli altri, purtroppo, te li devi tenere a casa”. Il Pd: “Ricorda politiche di stampo nazista” 

18 Giugno 2018 alle 19:47

Salvini continua la campagna elettorale: “Via i rom irregolari dall'Italia”

Una contestazione anti-Salvini nel campo rom di Via Candoni a Roma nel maggio del 2016 (foto LaPresse)

Matteo Salvini sembra averci preso gusto. Dopotutto era difficile pensare che, arrivando al Viminale, il leader della Lega non utilizzasse il suo incarico per rilanciare gli slogan e le battaglie più care al suo elettorato. Così, dopo i migranti e le ong, ecco i rom. “Faremo un censimento sui rom in Italia, una ricognizione per vedere chi, come e quanti sono”, ha annunciato il ministro dell'Interno. Sottolineando che “dopo Maroni non si è fatto più nulla, ed è il caos. Facciamo un'anagrafe, una fotografia della situazione. Gli irregolari saranno espulsi mentre i rom italiani, purtroppo, te li devi tenere a casa”.

Non bisogna attendere molto perché qualcuno definisca quella di Salvini come una “proposta shock”. E lui controbatte: “Qualcuno parla di 'shock'. Perché??? Io penso anche a quei poveri bambini educati al furto e all'illegalità”.

 

  

La polemica è però scatenata. “Ieri i rifugiati, oggi i rom, domani le pistole per tutti. Quanto è faticoso essere cattivo”, scrive su Twitter l'ex presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni. “Le parole sono pietre e il 'dossier rom' di Salvini è agghiacciante, ricorda politiche di stampo nazista”, attacca il senatore dem Edoardo Patriarca. E se per Ettore Rosato il censimento sui rom è “volgare e demagogico”, secondo il deputato Pd Walter Verini “è una escalation che va fermata. Cominciò così anche ottanta anni fa e sappiamo come andò a finire”. “E poi ...? - si chiede il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso - Proporranno un segno per riconoscerli? La barbarie è sempre iniziata con un 'censimento', magari per la loro sicurezza. Che orrore e che schifo!”. Mentre il segretario reggente del Pd, Maurizio Martina, twitta: “Il diverso, lo straniero. Oggi i rom. E domani? Fermatevi! Non c'è futuro nella paura. L'Italia non è questa”.

   

Contro Salvini anche le associazioni che rappresentato i rom in Italia. “Il ministro Salvini dovrebbe studiare, ne avrebbe tanto bisogno. Quello che fu definito un censimento, organizzato dal ministro Maroni tra il 2009 e il 2011, fu in realtà una schedatura su base etnica, vietata in Italia. Per tale ragione ci fu una strigliata da parte dell'Europa”, sottolinea Carlo Stasolla, presidente dell'associazione 21 luglio. Mentre l'Associazione Nazione Rom ricorda come sia già presente un dossier “elaborato dall'Istat nel 2017” e sia stato “prontamente consegnato al ministro Salvini e sulla email del gabinetto del ministro dell'Interno”. Peraltro, ricorda, l'Italia ha ricevuto dalla Commissione Europea “ingenti finanziamenti per il periodo 2014-2020 al fine di garantire una casa, un lavoro, una scuola e una protezione sanitaria per rom, sinti e caminanti, e per la popolazione in estrema povertà come i senza fissa dimora”. La scorsa settimana l'Anr si è recata a Bruxelles “per ottenere l'apertura di inchiesta da parte della Commissione Europea relativamente all'utilizzo improprio di questi fondi. Adesso è necessario rispettare accordi e strategia, pena la sospensione dei finanziamenti europei erogati per un totale di 7 miliardi di euro. Per questo chiediamo un incontro urgente con il ministro Matteo Salvini che veda il coinvolgimento di Unar punto di contatto nazionale per implementare gli accordi Ue di inclusione e la strategia nazionale Rsc (rom, sinti e caminanti ndr)”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • NoMercy

    19 Giugno 2018 - 09:09

    E' sorprendente come Salvini sia vittima del proprio ego (misurato dai sondaggi). Direbbe e farebbe qualunque cosa per "diventare famoso". Fa quasi tenerezza se non facesse paura. Il pericolo è "abituarsi" a questi proclami, la prima volta si grida allo scandalo ma la seconda volta ci si è già quasi abituati e la % di chi li accetta e li ritiene parzialmente condivisibili aumenta. Aumenta ogni giorno fino a diventare la normalità e ci ritroveremo, senza neppure accorgercene, nella bratta. Attenzione: Domenica ci sono i ballottaggi, mi chiedo quale sarà il tema su cui il nostro fascistello cercherà quel voto in più...

    Report

    Rispondi

  • DBartalesi

    18 Giugno 2018 - 22:10

    Il piglio con cui Salvini ha iniziato a governare è quello di uno Steve Bannon, di un suprematista, di uno del Front National del vecchio Le Pen. Ma il centro destra che lo sostiene muto e che lo ha quasi eletto a proprio rappresentente che dice? E'd'accordo? E il M5S, chi lo ha votato e sembrava pure di sinistra, condivide? Prima di altri obiettivi e in attesa che si svegli l'opposizione la parola d'orine potrebbe essere: togliere acqua al mulino Salvini.

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    18 Giugno 2018 - 21:09

    Salvini alzerà il tiro finche’i sondaggi gli dimostreranno che le sue esternazioni accrescono il consenso nei suoi confronti. Questo consenso risulta piu’ sconcertante di Salvini.

    Report

    Rispondi

Servizi