“Sì a Tav e Tap: i Cinque stelle non possono bloccare tutto”, dice Picchi (Lega)

Sulle infrastrutture le distanze tra Carroccio e M5s sembrano enormi. Non esattamente un dettaglio per un governo che dice di essere “del cambiamento”

16 Maggio 2018 alle 20:25

“Sì a Tav e Tap: i Cinque stelle non possono bloccare tutto”, dice Picchi (Lega)
Roma. All’uscita dalle consultazioni al Quirinale, lunedì scorso, Matteo Salvini era parecchio accigliato per la piega presa dal confronto con i Cinque stelle. Sottolineava le differenze e le incompatibilità con il M5s su alcuni punti, tra cui giustizia, immigrazione e infrastrutture. Non esattamente dettagli, per un governo che dice di essere “del cambiamento” e che invece rischia di essere (almeno) a due velocità.   Prendiamo per esempio le infrastrutture. Nel M5s vige la “dottrina Bonafede” applicata alle grandi opere. “Il...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi