cerca

La dottrina Bonafede sulle opere pubbliche (Tav e dintorni): non farle

“Il nostro programma resta quello di rivedere tutte le grandi opere inutili”, dice l'aspirante ministro della Giustizia del M5s

12 Aprile 2018 alle 06:11

La seconda impossibile vita di mr. Bonafede, vice Di Maio da tv

Alfonso Bonafede. Foto LaPresse/Fabrizio Corradetti

Roma. Tav? Nuovo aeroporto? Grandi opere varie e diffuse? Macché, la “dottrina Bonafede” non lo permette. Laddove Bonafede è Alfonso, aspirante ministro della Giustizia del M5s, molto vicino a Luigi Di Maio e a Virginia Raggi, cui presta assistenza sociale, nonché ex candidato del M5s a Firenze contro Matteo Renzi. Lunedì scorso su Italia7, incalzato dal giornalista del Corriere Fiorentino Marzio Fatucchi, Bonafede ha esposto la sua teoria sul futuro di alcune grandi opere della Toscana in caso di governo a Cinque stelle: “Il nostro programma resta quello di rivedere tutte le grandi opere pubbliche inutili. Anche quelle già decise: nei margini in cui si può fare”. Per Bonafede l’esempio è quello dello stadio di Olimpico di Roma. “A fronte di un progetto folle, ma molto avanti nel procedimento, non avendo margine per tornare indietro, lo abbiamo migliorato. Abbiamo evitato un milione di metri cubi di cemento, ridotti a metà, con un progetto di altissimo livello ambientale”. Ma Tav e aeroporto in Toscana sono una questione che va avanti da anni (l’ampliamento del Vespucci da almeno 30) e proprio di recente il ministro dell’Ambiente ha dato il via libera per potare via le terre di scavo per il sottoattraversamento dell’Alta velocità.

  

L’aspirante ministro Bonafede non è però molto interessato all’argomento. “Se l’opera è stata decisa nel 1995 e stiamo ancora a parlarne non è perché si è perso tempo ma perché l’opera è stata decisa in modo folle”. A Bonafede, peraltro, non sembrano interessare neanche le conseguenze. Ci sarebbero infatti delle penali molto salate da pagare. Un po’ come nel caso del termovalorizzatore di Parma: il M5s, quando Federico Pizzarotti era ancora nel partito di Casaleggio, fece campagna elettorale annunciandone lo stop, ma poi fu costretto alla retromarcia. “I cittadini spendono molto di più per fare l’opera”, dice Bonafede. E dire che Luigi Di Maio in campagna elettorale era arrivato a rincuorare gli imprenditori e le associazioni di categoria spiegando di voler “lasciare in pace le imprese” e ottenendo riscontri positivi dentro Confindustria.

  

“Il loro leader Luigi Di Maio venne a Firenze e disse che avrebbe lasciato in pace chi voleva sviluppo. Bonafede dice l’opposto. Ma l’ambiente non è un vincolo allo sviluppo. Nessun imprenditore vuole ammazzare l’ambiente”, dice amareggiato il capo degli industriali di Firenze Luigi Salvadori. L’apertura nei confronti degli imprenditori è già finita? Serviva soltanto a prendere qualche voto per le elezioni? Non stupisce in effetti. Bonafede ha cominciato la sua carriera politica e professionale al fianco dei No Tav (i Cinque stelle in Toscana hanno storicamente una componente movimentista di sinistra), denunciando da anni costi maggiorati “di circa 6 volte” e proponendo come alternativa il passaggio in superficie. Insomma, i vari comitati sono la constituency di Bonafede, che non può – al netto dei toni vagamente democristiani di Di Maio – far finta di nulla. “Bonafede e i 5 Stelle hanno scoperto le carte e ribadito cosa vogliono essere a Firenze, il partito del ‘No’, e non sarà un caso se proprio lui è arrivato terzo nel collegio uninominale di Firenze con il 19 per cento dei voti. Dire No ad aeroporto, alta velocità, terza corsia e stadio sembra solo una ripicca verso la città che lo ha bocciato politicamente”, dice il deputato Gabriele Toccafondi. “Ma con le vendette non si fa politica, la città e tutta la Toscana hanno bisogno di opere pubbliche fatte bene, che siano utili, che portino sviluppo, lavoro, occasioni per far crescere la città e nuove opportunità per i fiorentini. I Cinque stelle sembrano incarnare ormai l’immobilismo, meglio non fare niente e bloccare tutto ciò che si è iniziato. Ma così si fa morire una città di eutanasia”. E se la “dottrina Bonafede” venisse applicata davvero una volta al governo a livello nazionale?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    12 Aprile 2018 - 09:09

    I gerarchi grilloti possono permettersi di dire tutto e il contrario di tutto. È il loro momento, i loro squadristi credono obbediscono e combattono da dietro la tastiera, ai loro elettori interessa soltanto il reddito di cittadinanza.

    Report

    Rispondi

  • 17FG67

    12 Aprile 2018 - 09:09

    Una delle componenti fondative del M5S è la galassia dei Comitati del NO, trasversale a destra e sinistra, centri sociali e parrocchie, avanzi di galera e buoni padri di famiglia. Un esercito di popolo che ha come orizzonte esistenziale l'orticello di casa e il campanile del paesello, allergica alle grandi opere come la TAV perché di fatto estranea o esclusa dai processi di modernizzazione che le richiedono. Una zavorra con il quale il paese ha rischiato e rischierà ancora di affondare nella marginalità internazionale e impoverirsi in modo irreversibile.

    Report

    Rispondi

Servizi