L'ossessione di D'Alema il vendicativo

All’ex premier è rimasto un solo obiettivo: far male a Renzi, costi quel che costi

28 Ottobre 2017 alle 06:00

L'ossessione di D'Alema il vendicativo

Massimo D'Alema (foto LaPresse)

Massimo D’Alema si è posto un unico obiettivo, che aveva peraltro annunciato: “Fare del male a Renzi”. Non si può negare che in questa strategia della vendetta abbia ottenuto qualche successo. Ora dice che Renzi “ha sfasciato il centrosinistra, ha sfasciato il suo partito”, con la soddisfazione di chi ha in realtà organizzato una scissione del Pd e cerca di raccogliere tutti gli alleati di quello stesso partito per rendere impossibile una ricomposizione del centrosinistra. Basta leggere quel che ha detto sulle elezioni siciliane, delle quali non gli interessa il risultato ma solo che “è sicuro che non sarà un successo del Pd”, per capire, come dice il vecchio adagio, che la lingua batte dove il dente duole. Il ragionamento di D’Alema punta sempre e solo allo stesso obiettivo, fino al paradosso: “Renzi è stato il promotore di Visco” e per dimostrare questa asserzione strabiliante si immagina un’operazione machiavellica del segretario del Pd che attaccando pubblicamente il governatore e chiedendo di non procedere alla sua conferma “l’ha resa obbligatoria”. D’Alema dice che “c’è bisogno di una forza di centrosinistra che vada a colmare il vuoto politico che si è creato”, e questa sarebbe costituita dall’ammucchiata di scontenti e di rancorosi che cerca di mettere insieme nella battaglia contro Renzi, che sarebbe “il vuoto politico”. Sa benissimo che questa non è una prospettiva realistica; D’Alema eccelle nella capacità di misurare i rapporti di forza e non può illudersi davvero che la sua malferma aggregazione possa competere per il governo. Ma non gliene importa, la sua logica è annebbiata dal desiderio di vendetta, la sua politica è “far fuori Renzi e poi si vedrà”. Ma si offende se gli danno del gruppettaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    28 Ottobre 2017 - 11:11

    Baffino ha i baffi per coprire la smorfia del labbro superiore della bocca che è contratto perennemente quasi a sentire sempre un qualche odore fetido. Tutta colpa di aver iniziato ( così fu burlato ) la sua carriera politica senza apprendistato ma direttamente nominato presidente della FIGC. Fu lì che si è guastato. lds

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    28 Ottobre 2017 - 09:09

    D’Alema credo ben sappia che il Pd si e’ sfasciato da solo, vittima delle insanabili contraddizioni interne che in verità Renzi non ha assopito ma accentuato. Per paradosso via via stemperando con molte retromarce l’ambizioso programma riformatore d’avvio, novità strabiliante per un partito ideologicamente molto conservatore, e nonostante ciò continuando a perder pezzi di partito per strada senza conquistarne di nuovi. Sicche’ dal 40 per cento di consensi delle europee e’ ora costretto a salire sul treno per cercar di difendere la soglia minima del 25 per cento. D’Alema in tutto ciò entra ben poco. Che si facesse cacciare senza batter ciglio neanche un bambino poteva sognarlo. Il Royal Baby ha purtroppo perduto per strada molti quarti di attribuita nobiltà e pure molti consensi dentro e fuori la sinistra, par di capire dai confronti elettorali e dai sondaggi.

    Report

    Rispondi

Servizi