Ministeri fissi

Lega e M5s non hanno ancora in mente i nomi, ma già sanno quali nuovi dicasteri aprire

11 Maggio 2018 alle 06:00

Ministeri fissi

Ministero dell'Interno (via interno.gov.it)

Allora, parliamoci bene: più che una lista di nomi con i ministri, noi della Lega e del Movimento 5 stelle vorremmo istituire dei dicasteri nuovi. Il presidente Sergio Matterella non può opporsi, altrimenti chiediamo l’impeachment. Ecco dunque quali saranno i nuovi ministeri del governo Giovannini (miglior ministro del Lavoro della storia):

 

- Ministero per le Donne anziane che escono a fare la spesa e si trovano la casa occupata da falsi rom (uno sono io, dispiace dirlo). Il ministero avrà sede in lungotevere Raffaello Sanzio 8/c, dove prima c’era la sede del Foglio (giustamente).

 

- Ministero per i Grandi e Grandissimi obesi. Questi sono rarissimi in Sardegna per via della dieta mediterranea, ma ad esempio in Veneto è pieno (dispiace dirlo). Il ministro designato dovrà occuparsi di sbattere giù i serramenti della porta di casa del grande obeso. Non per occuparla, ma per far uscire il grande obeso dalla casa stessa. Al limite può calarlo con piattaforme che però se si piega il braccio idraulico bisogna pagare all’appaltatore 26.000 euro. Alcuni obesi possono essere arrestati solo per il fatto di essere in tale condizione.

 

- Ministero per l’Introduzione di una criptovaluta al posto dell’euro. A capo di tale struttura Diego Fusaro, il filosofo marxista molto stimato anche da chi organizza il Festival di Cannes (ma neanche).

 

- Altro ministero nuovo, senza chiedere al segretario Zambetti che è contro, è quello per mandare via dalla Rai Bianca Berlinguer (che può andare a La7). Tanti si chiedono: ma ci vuole un ministero apposta? Risponde Toninelli (M5s): “Sì, perché tra ricorsi e raccolta firme è più difficile mandare via la Berlinguer dalla Rai che Ronaldo dal Real (che infatti è già della Roma, contratto firmato oggi)”.

 

- Altro ministero nuovo è quello dedicato alla Casaleggio Associati. Si occupa di casting politico, cioè tirare fuori dalla rete non gente che sa ballare, cantare o lanciare il giavellotto, ma che sa vantarsi. Ministro: Di Battista.

 

- Ministero per accorpare le cinque forse di polizia in una. In pratica crea una miliza del popolo con a capo un sergente dei corazzieri, che poi risulta non esserlo mai stato in quanto il grado di sergente nei corazzieri non esiste.

 

Anche Salvini e Di Maio sono d’accordo poi ad abolire la guardia del presidente, cioè i corazzieri, e mettere a presideio del palazzo le guardie svizzere (per cui bisogna farsele prestare, ma neanche).

 

- Ultimo ministero nuovo, il più importante e bello, è quello per mandare via Giletti da La7. Diventerà presidente Rai, anche se ha meno titoli di Santoro.

 

Un altro ministero nuovo è quello delle intercettazioni, sia telefoniche che postali. Il ministro, che dovrebbe essere Pif, dovrà stare tutto il giorno in sede e riferire al Fatto, che diventa l’unico giornale un po’ bello. Anche Scanzi ritiene tale cosa troppo filogovernativa, per cui lascia il Fatto per fare l’attore nei film di un regista comunista.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi