cerca

Ecco la prossima guerra di Israele

Cosa sta accadendo e cosa potrebbe accadere tra lo stato ebraico, la Siria e l’Iran (cosa farà la Russia?). L'analisi del New York Times (12/2)

19 Febbraio 2018 alle 08:34

Ecco la prossima guerra di Israele

Foto LaPresse

"Nelle prime ore del sabato mattina, il medio oriente era sull’orlo di un’altra guerra”. Così Ronen Bergman, massimo giornalista di sicurezza in Israele, sul conflitto che ribolle al confine nord dello stato ebraico. Un caccia israeliano è stato abbattuto dalla contraerea siriana.

 

“E’ stato il primo velivolo che Israele aveva perso in combattimento dal 1982, e la sua aviazione, con la sua reputazione di invincibilità ferita, ha risposto a un attacco al sistema di difesa aerea siriano, eliminando cinque batterie, oltre a distruggere quattro impianti di comunicazione iraniani in Siria. La risposta al jet israeliano doveva essere molto più violenta. Israele ha mantenuto un piano di emergenza per una vasta operazione offensiva in Siria. L’Iran è stato il primo paese a venire in aiuto del presidente Bashar al Assad quando è scoppiata la civile siriana sei anni fa. Assieme agli iraniani c’erano unità di Hezbollah, così come combattenti sciiti spediti da Iraq, Pakistan e Afghanistan. E’ grazie a quelle forze che il regime di Assad è sopravvissuto. Da parte sua, Israele ha condotto oltre cento bombardamenti in Siria, senza mai ammetterlo o assumersi responsabilità, contro le forze a guida iraniana. Netanyahu è riuscito a creare un canale di comunicazione segreto tra lui e il presidente russo Putin, oltre a una linea telefonica crittografata per le comunicazioni tra Israele e l’esercito russo in Siria. La Russia vuole costruire un punto d’appoggio sicuro in medio oriente e la sua politica richiede che mantenga buone relazioni con l’Iran. Gli eventi di sabato hanno chiarito due cose: in primo luogo, Israele non sarà più in grado di agire in Siria senza limitazioni. Le forze congiunte che si oppongono ad esso reagiranno d’ora in poi con vigore. In secondo luogo, se qualcuno non ne fosse ancora a conoscenza, la Russia è il potere dominante nella regione. Gli eventi di questo fine settimana hanno portato lo scontro tra Israele e Iran all’aria aperta, rendendo la prospettiva di un conflitto più grande più immediato e più minaccioso. Israele ha dimostrato in passato che è forte quando sente di essere stato lasciato a se stesso. Venerdì mattina, per la prima volta in assoluto, un primo ministro israeliano parteciperà alla Conferenza di sicurezza di Monaco. Il signor Netanyahu e il suo capo del Mossad, Yossi Cohen, che lo accompagnerà, sperano di chiarire che l’attuale configurazione in Siria è inaccettabile – e di avvertire gli Stati Uniti e altri paesi che se l’Iran non viene fermato, Israele attaccherà le sue basi in Siria. Israele è la più forte potenza militare del Medio Oriente, ma le guerre sono imprevedibili. E tutti – da Mosca a Gerusalemme a Washington – dovrebbero volere dissuadere una conflagrazione ancora più grave in Siria prima che sia troppo tardi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi