cerca

Israele ad alzo zero

La storia segreta della campagna di omicidi mirati e sabotaggi del Mossad contro i nemici dello stato

25 Febbraio 2018 alle 06:26

israele ad alzo zero

Una scena di “Munich” di Steven Spielberg, sull’“Operazione ira di Dio” che fece seguito alla strage delle Olimpiadi di Monaco. Ronen Bergman ha scritto per Random House “Rise and Kill First”

Ronen Bergman è un esperto di cose militari che scrive per il giornale israeliano Yedioth Ahronot e nel suo settore è molto quotato. Ha passato gli ultimi sette anni e mezzo a lavorare su un argomento che è molto difficile da raccontare, la campagna permanente di omicidi mirati e di sabotaggi compiuta dai servizi segreti di Israele in decenni di attività. Ha intervistato un migliaio di fonti e tra queste molti uomini di governo, dell’esercito e ovviamente dell’intelligence di Israele,...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • adebenedetti

    25 Febbraio 2018 - 21:09

    Per fortuna che il Mossad esiste, se non ci fosse bisognerebbe crealo. Da sostenitore di Trump concordo che, data la sua personalita` ciarliera, e` meglio che certi segreti non vengano mai messi a sua conoscenza. Per esempio Ann Coulter nel suo libro Tradimento rivela che il Colonnello Carter Clark padre del VENONA tenne tutto segreto a FDR in quanto aveva paura di una fuga di notizie verso i russi.

    Report

    Rispondi

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    25 Febbraio 2018 - 18:06

    Bene, e allora? Grazie al Mossad se Israele sussiste ancora! Quando si parla di Israele sarebbe doveroso immedesimarsene come "israeliano": vivere assediato da tribù così nemiche che ti hanno già cancellato dalla faccia della terra, in un'area larga al massimo centoquaranta chilometri in tutto ossia un'ora di macchina dal confine est a quello ovest... e dove scappi? Bello, e tanto da animebelle, deplorare il Mossad perché non è democratico e trasparente come quella ridicola buffonata dell'FBI, ridotto a fornire copioni ai rotocalchi. Israele sopravvive - proprio nel senso che vive al di sopra - perché lì, ognuno fa il proprio mestiere fino in fondo punto e basta. Tutto da imparare, noialtri babbei!...

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    25 Febbraio 2018 - 10:10

    Bene, bravi, continuate così. Gli israeliani sono i numeri uno praticamente in tutto, ed è probabilmente questo il motivo per il quale, in prospettiva storica, gli ebrei sono così odiati dai peggiori.

    Report

    Rispondi

Servizi