cerca

VIDEO

"Un accordo storico per fare ripartire l'Italia". Ecco l'intesa

All'Italia circa 209 miliardi, 82 di sussidi e 127 di prestiti. L’Ue finanzierà con 750 miliardi di debito comune la ripresa economica dopo la più grave crisi dal secondo dopoguerra

21 Luglio 2020 alle 07:35

Dopo 92 ore di negoziati, i leader europei trovano l'intesa sulla risposta comune alla più grande crisi economica della storia dell'Unione. I capi di stato e di governo hanno approvato un pacchetto da 750 miliardi di euro che dovrà servire alla ricostruzione post-pandemia, e che sarà suddiviso in 390 miliardi di sovvenzioni e 360 miliardi di prestiti per i paesi colpiti dalla crisi. Una somma significativamente inferiore rispetto alle ambizioni del pacchetto da 500 miliardi di euro ispirato dalla proposta di Francia e Germania a maggio e poi avallato dalla Commissione europea. Ma che porterà all'Italia circa 209 miliardi, 82 di sussidi e 127 di prestiti. E, soprattutto, un intesa che sdogana per la prima volta il principio secondo cui una istituzione europea, la Commissione, viene autorizzata a fare debito comune, un tabù che sarebbe stato impensabile solo qualche mese fa.

  

Ma arrivare al risultato non è stato facile e il vertice di Bruxelles, che per poco più di 30 minuti non ha battuto il record di durata di quello di Nizza nel 2000, che durò quattro giorni e quattro notti, come ha ricordato in conferenza stampa il premier italiano Giuseppe Conte. Per piegare la resistenza dei quattro paesi cosiddetti frugali - Paesi Bassi, Austria, Svezia e Danimarca, col sostegno della Finlandia - Angela Merkel ed Emmanuel Macron hanno fatto fronte comune, con l'appoggio forte di Italia e Spagna e poi nel corso delle ore di tutti gli altri leader europei. Gli stati del nord hanno affermato un loro ruolo politico all'interno dell'Ue e messo in difficoltà l'asse franco-tedesco che per tutto il vertice ha sostenuto le ragioni del fronte sud. E Merkel è riuscita anche a tirare le fila del negoziato con i paesi di Visegrad sulle condizionalità legate al rispetto dello stato di diritto e alla fine l'accordo che soddisfa tutti è arrivato.

  

Oltre la sfida solidali vs frugali, c'è una nuova Ue con equilibri tutti diversi

Tabù violati, nuovi equilibri, coalizioni e contrappesi. Dal negoziato sul Recovery fund è nata un’Ue tutta diversa

 

E così i compromessi raggiunti permettono a tutti di dirsi soddisfatti e tornare a casa rivendicando una vittoria. Il commento dei leader è unanime. Di "momento storico per l'Italia e l'Europa" parla Giuseppe Conte, secondo cui l'accordo che esce dal vertice è adeguato a far fronte alla crisi: "Abbiamo tutelato la dignità dell'Italia", aggiunge il premier. "Accordo storico" anche per Emmanuel Macron che ammette la distanza con i frugali, parla di trattativa "difficile", e di distanze ma aggiunge che il Recovery Plan "è un piano in grado di affrontare le sfide sanitarie, economiche e sociali di ogni paese". Soddisfatta e "sollevata" anche Angela Merkel, grande tessitrice dell'intesa. "È la risposta di un'Europa unita in una situazione che ha richiesto azioni straordinarie", ha aggiunto. Festeggiano anche i frugali, comunque, che incassano un aumento molto sostanzioso dei 'rebates', a cominciare da Sebastian Kurz, che raddoppia gli sconti che Vienna otterrà sul bilancio. L'olandese Mark Rutte incassa il cosiddetto “freno di emergenza” per poter congelare l’erogazione dei fondi verso un paese in caso di non rispetto della tabella di marcia delle riforme, dopo avere sollevato la questione davanti al Consiglio europeo. Il leader ungherese Viktor Orbàn ha ottenuto di ammorbidire i vincoli sullo stato di diritto e il polacco Mateusz Morawiecki ha incassato uno "sconto" sulle condizionalità ambientali: per ottenere i fondi del Recovery fund non sarà necessario sottoscrivere l’obiettivo di neutralità climatica entro il 2050 a livello nazionale, ma basterà l’impegno a raggiungere quel target a livello Ue. Esulta infine anche Christine Lagarde che temeva una reazione pesante sui mercati in caso di 'no-deal': "L'accordo raggiunto dal Consiglio europeo - dice la presidente della Bce - dimostra che "quando è più necessario, l'Unione europea va avanti ed è unita per aiutare il popolo dell'Europa".

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Andrew

    Andrew

    21 Luglio 2020 - 13:16

    SEGUE da sotto Per salvare l’Italia serve eradicare la politica economica, sociale, industriale, cattocomunista, sostituirla con la cultura liberale dello sviluppo anziché dell’assistenza, della crescita, dell’intrapresa privata anziché dello statalismo, della libertà d’iniziativa anziché dei carrozzoni elettorali, del sud liberato dal giogo clientelare, un Sud liberato, agevolato all’intrapresa sarebbe petrolio più degli Emirati. Fateci votare, fateci cambiare, fateci provare a salvare l’Italia per davvero. Prima è e meglio è. Date retta cattocomunisti, siete stati sconfitti dalla storia è la realtà dei fatti. Lasciate perdere prima che sia peggio per tutti. Capito Foglianti?

    Report

    Rispondi

    • sara.romoli74

      22 Luglio 2020 - 22:53

      Cioè questo novello miracolo italiano chi dovrebbe farlo?

      Report

      Rispondi

  • Andrew

    Andrew

    21 Luglio 2020 - 13:14

    Il nodo esiziale da noi è la sinistra e i cattocomunisti al governo. È il loro modo di pensare l’economia, lo Stato, il fisco, i cittadini. Quel modo che in decenni ci ha rovinati. Che piaccia o no in 76 anni di repubblica i cattocomunisti per dritto o per rovescio hanno governato per 67 e Silvio Berlusconi per 9. Solo la sfacciataggine politica illimitata della sinistra può accusare il centrodestra di essere un rischio per il Paese, dopo averlo ridotto pelle e ossa a forza di statalismo, assistenzialismo, clientelismo e sindacalismo dei privilegi piuttosto che dei diritti e dei doveri. Dopo averlo dissanguato con la Fiat, le baby pensioni, i salvataggi folli, gli enti inutili, le municipalizzate, il ripianamento delle perdite delle partecipate, le assunzioni a gogò, gli enti locali senza fondo, i costi di una giustizia lenta, ingiusta e politicizzata, l’ingresso in Europa mal gestito. Ecco perché siamo al lumicino. Mica per colpa dei marziani. CONTINUA

    Report

    Rispondi

  • Andrew

    Andrew

    21 Luglio 2020 - 13:10

    Diciamoci la verità, ha vinto Rutte, portando a casa sconti e rimborsi per l’Olanda e i frugali, la sottrazione di 110 miliardi dai sussidi, il freno a mano sull’erogazione delle tranche e una sorta di veto sui finanziamenti, perché con un terzo dei Paesi si controlla tutto. Ma se questo non bastasse vi dico ciò che pochi vi spiegheranno e cioè che degli 80 miliardi di sussidio destinati a noi, quelli netti saranno 20, perché andrà sottratto il finanziamento annuale alla Ue di 15mld che in 4 anni fa 60, dunque 80-60 cifra 20 netti. L’Italia avrà qualcosa in più di prestito e la trattativa è stata più per i frugali che per noi, oltretutto per evitare il peggio, Giuseppi ha dovuto giocare il jolly della crisi di governo e delle elezioni che avrebbero portato alla vittoria il centrodestra. Il premier ha spiegato ad Angela e ad Emmanuel che se non avesse ottenuto niente tornato in patria la sfiducia sarebbe stata ovvia e in quel caso evitare le elezioni sarebbe stato impossibile.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni Attinà

    21 Luglio 2020 - 11:36

    Una sola considerazione: aspettiamo quando arrivano questi 209 miliardi, ma intanto sarebbe ora che l'Italia, leggi governo attuale, si dia una mossa e non pensi solo a conferenze stampa trionfalistiche. Lo stesso dicasi delle opposizioni con proclami ripetitivi e per nulla realistici Ci vogliono fatti e non parole e vale anche per il mondo dell'informazione in generale, troppo preso a discettare sul sesso degli angeli, tra indiscrezioni e retroscena.

    Report

    Rispondi

Servizi