cerca

No al servilismo nei confronti di Cina e Russia

“Riconoscenza e genuflessione sono cose diverse. I cinesi mistificano la storia”. Parla il generale Bertolini

26 Marzo 2020 alle 11:57

No al servilismo nei confronti di Cina e Russia

Un'immagine degli aiuti inviati dalla Russia in Italia (foto LaPresse)

Roma. “Il nostro bisogno di aiuto sanitario non può e non deve mutarsi in servilismo nei confronti di Cina e Russia”. Mentre il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ringrazia quotidianamente e non risparmia salamelecchi al regime di Pechino, Marco Bertolini, classe ’53, generale di Corpo d’armata, già capo di Stato Maggiore Isaf in Afghanistan ed esperto di geopolitica, dice quello che molti pensano, ma che l’emergenza fa dimenticare: “Prima di tutto non possiamo non ricordare che, malgrado i tentativi...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Carmelo Caruso

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • branzanti

    26 Marzo 2020 - 14:09

    Quando usciremo dall'attuale situazione i cambiamenti con cui dovremo confrontarci riguarderanno la politica interna ed internazionale quanto il nostro privato. Uno dei principali riguarderà il riassetto del sistema di alleanza globale, con le fine di quella fra le due sponde dell'Atlantico, cui peraltro il virus apporterà solo un'accelerazione, perché il percorso di rottura si sta sviluppando da tre anni e si articola su insulti, dileggi, dichiarazioni di obsolescenza e dazi, veri e minacciati. Il rapporto pluridecennale e la Nato si fermeranno qui e, certamente, una spinta la forniranno le lusinghe provenienti da Cina (soprattutto) e Russia verso un nuovo sistema commerciale e di collaborazione. Non sono sicuro che il nostro interesse vada in quella direzione, ma i vuoti si riempiono e gli errori (sguaiati) si pagano. Naturalmente tutto questo non avverrebbe se l'inquilino di una certa casa cambiasse. Russi e cinesi in quel caso dovrebbero abbandonare ogni velleità.

    Report

    Rispondi

Servizi