cerca

“Ora il futuro dell'Algeria è nelle nostre mani”. Viaggio nella piazza anti Bouteflika

Studenti e famiglie, bandiere e caricature. La festa e le voci di Algeri dopo le dimissioni del presidente in carica da venti anni

3 Aprile 2019 alle 16:49

Martedì 2 aprile il presidente algerino Abdelaziz Bouteflika, 82 anni, si è dimesso dopo sette settimane di imponenti proteste popolari. E anche a causa dell'abbandono da parte dell’esercito. L'anziano leader, che nel 2013 è stato colpito da un ictus e da allora compare raramente in pubblico e non tiene discorsi, era pronto a candidarsi a un quinto mandato. I cittadini algerini sono scesi in strada da ieri sera per festeggiare. Voci e colori della piazza di Algeri, dove studenti e famiglie festeggiano: “Ora il futuro dell'Algeria è nelle nostre mani”.

  

L'analisi

Così la primavera algerina ottiene le dimissioni di Bouteflika

Dopo sette settimane di proteste e le richieste avanzate anche dall'esercito, il presidente in carica da venti anni cede. Ma per i manifestanti è solo l'inizio

Per approfondire

Ironici e divertenti, irriverenti e poetici. Ecco gli slogan del dissenso algerino

Non manca la fantasia nelle manifestazioni contro il governo Bouteflika. I messaggi della protesta coinvolgono la politica internazionale, la storia moderna, la cultura pop, rivisitano i marchi globali. Un racconto per immagini

Boualem Sansal ci spiega la rivoluzione algerina

L'intervista integrale al grande scrittore e dissidente algerino, su Bouteflika, le origini della rabbia, l'islamismo e l'alternativa democratica che ancora non c'è

C’è tanto calcio nelle proteste in Algeria

In piazza le canzoni che da tempo si sentono negli stadi. La più famosa è ispirata a una serie tv di Netflix

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • joepelikan

    03 Aprile 2019 - 21:09

    Solito entusiasmo dei soliti sinistroidi per una borghesia inesistente. L'Algeria è patria di un immenso proletariato urbano e rurale islamista. Finito Bouteflika arriveranno gli eredi del FIS/GIS. Lo scrivo perché rimanga agli atti quando ci troveremo di fronte ad un altro "failed state".

    Report

    Rispondi

Servizi