cerca

Le ansie e i dolori della Romania alle prese con un semestre europeo epocale

“Non sei in grado”, le dicevano gli altri paesi membri. I dolori e i preparativi di Bucarest per quei 181 giorni che ci diranno chi siamo

30 Dicembre 2018 alle 06:00

Le ansie e i dolori della Romania alle prese con un semestre europeo epocale

A Bucarest i manifestanti protestano contro le nuove leggi per limitare il potere della Direzione nazionale anticorruzione volute dal governo nel febbraio del 2017 (Foto LaPresse)

Roma. La Romania voleva arrivare pronta, nonostante tutto, alla presidenza del semestre europeo. Per essere degna di questa famiglia numerosa e turbolenta aveva fatto qualsiasi cosa e i suoi primi anni dentro l’Europa sono stati caratterizzati da continue iniziative per promuovere i valori europei e dalla lotta contro la corruzione, era questo che soprattutto stava a cuore a Bruxelles: che Bucarest risolvesse i problemi legati alla politica e alla poca trasparenza. Le autorità anticorruzione hanno svolto il loro lavoro con...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi