cerca

La Germania vuole arruolare gli stranieri nelle sue forze armate

Manca manodopera specializzata e si pensa di chiamare in causa in cittadini non tedeschi. Sarà l'embrione di un esercito europeo o di uno fatto da mercenari?

27 Dicembre 2018 alle 17:57

La Germania vuole arruolare gli stranieri nelle sue forze armate

Militari dell'esercito tedesco durante un'esercitazione (foto LaPresse)

Il mese scorso il presidente francese Emmanuel Macron aveva detto nel corso di una intervista radiofonica rilasciata all’emittente Europe1 di voler rilanciare un sogno vecchio di oltre 60 anni: quello di creare un “vero, reale esercito europeo”. Ora, sebbene a uno stadio embrionale, nella vicina Germania sembra si stiano cominciando a creare i presupposti per qualcosa di simile.

 

Dopo avere approvato una legge dibattuta per quasi 30 anni che facilita nel settore privato l’assunzione di manodopera qualificata proveniente da paesi extra europei, il governo tedesco pensa di abbattere un nuovo tabù: arruolare nelle sue forze armate personale proveniente da altri paesi europei. Le difficoltà dei tedeschi nel trovare manodopera specializzata in patria preoccupano molto il Bundeswehr, le forze armate della Repubblica federale tedesca. Secondo Eberhard Zorn, ispettore generale dell'esercito, la Germania “deve guardare in tutte le direzioni per trovare figure adatte”. Una necessità che è diventata via via più impellente da quando nel 2011 si è messo fine alla leva obbligatoria e che andrà affrontata, visti gli obiettivi di aumento del personale militare che si è posto lo stesso governo tedesco, che punta ad aumentare i suoi effettivi di 21 mila unità entro i prossimi sette anni.

 

Nel documento strategico del 2016, il ministero della Difesa tedesco lamentava la mancanza di medici, specialisti IT e cybersecurity. Così il governo si è messo in contatto con le cancellerie degli altri paesi europei per capire la loro disponibilità a cedere manodopera alle forze armate tedesche. Ma la reazione generale è stata piuttosto fredda e i paesi dell’est, in particolare la Bulgaria, la Repubblica ceca e la Polonia, avrebbero già chiuso la porta a Berlino, non convinti dall’idea di cedere lavoratori specializzati all’esercito di un paese straniero.

 

L’idea del Bundeswehr sarebbe di arruolare i cittadini europei che già vivono in Germania in modo continuativo e che conoscono il tedesco. Si tratta di un bacino di circa 530 mila persone, con un’età compresa tra i 18 e i 30 anni, da cui potere attingere. Ma per farlo il governo dovrà modificare una norma considerata fino a oggi intoccabile. Si tratta dell’articolo 37 del Soldatengesetz, la legge federale tedesca che disciplina la gestione del personale militare e che stabilisce i requisiti fondamentali per arruolarsi: essere cittadini tedeschi e giurare fedeltà all’ordine costituzionale democratico della Germania. Un sistema di reclutamento abbastanza simile è già in vigore in Belgio e in Danimarca. Ma secondo i più critici, la proposta rischia di favorire l’ingresso di mercenari nelle forze armate, a scapito dei veri cittadini tedeschi.

Luca Gambardella

Luca Gambardella

Sono nato a Latina nel 1985. Sangue siciliano. Per dimenticare Littoria sono fuggito a Venezia per giocare a fare il marinaio alla scuola militare "Morosini". Laurea in Scienze internazionali e diplomatiche a Gorizia. Ho vissuto a Damasco per studiare arabo. Un paio di tirocini al ministero Affari esteri e al Parlamento europeo, abbastanza per capire che dovevo fare altro. Nel 2012 sono andato in Egitto e ho iniziato a scrivere di Medio Oriente e immigrazione come freelance. Dal 2014 lavoro al Foglio.it

Più Visti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • marco.ullasci@gmail.com

    marco.ullasci

    29 Dicembre 2018 - 08:08

    Francamente non vedo grandi problemi nel ritorno alla tradizione. Per secoli le forze armate dei paesi europei sono state su base volontaria ed aperte agli stranieri. Meglio mercenari che sanno quello che fanno e lo fanno volontariamente piuttosto che la leva obbligatoria con gli ufficiali che sparano nella schiena ai "disertori" che semplicemente e naturalmente sono allergici al fare la parte del piccione nel tiro al piccione.

    Report

    Rispondi

  • Skybolt

    28 Dicembre 2018 - 13:01

    Beh, non c'entra nulla con l'esercito europeo. Si tratta di creare una specie di "legione straniera" nella o per la Bundeswehr , non si capisce se sarà concentrata (unità omogenee) o diffusa (singoli specialisti all'interno delle varie unità). Comunque, la cosa ha molti illustri e gloriosi precedenti. Per imanere alla Germania, come non ricordare le unità delle Freiwillingen Waffen-SS straniere che si coprirono di gloria, le Divisioni Wallonien, Nordland, Wiking, Charlemagne (quest'ultima soprattutto), etc. Ironie della storia. Sieg heil!

    Report

    Rispondi

Servizi