cerca

I due turisti di Salisbury

Mosca gode a prenderci per scemi, ma sul caso Skripal sta esagerando

14 Settembre 2018 alle 06:00

I due turisti di Salisbury

Il presidente russo Putin ha detto che i due sospetti di Salisbury "sono dei civili" (Foto LaPresse)

Ieri i due russi accusati dalla polizia inglese di avere tentato di avvelenare l’ex spia russa Sergei Skripal a Salisbury vicino a Londra e ora al sicuro in Russia sono andati a Russia Today, tv della propaganda russa in lingua inglese, a dare la loro versione dei fatti in un’intervista alla direttrice Margarita Simonyan. Hanno detto di essere andati a Salisbury sabato 3 marzo per visitare la cattedrale, ma “c’era troppa neve” e così sono andati via e sono tornati il giorno dopo. Ora, i due sono atterrati venerdì pomeriggio a Londra con un volo diretto di più di tremila chilometri da Mosca, il giorno dopo sono andati a Salisbury in treno, sono arrivati alle 14:25 e sono andati via alle 16:10 (meno di due ore, era il giro di perlustrazione) e il giorno dopo sono arrivati alle 11:50, sono stati filmati da una telecamera lontana dalla cattedrale alle 12 e sono ripartiti alle 14:50, in tutto tre ore. La sera stessa hanno preso il volo di ritorno per Mosca. Quindi dovremmo credere che i due fossero a Salisbury per turismo anche se ci hanno passato meno tempo di quello che hanno passato in volo. E che ci sono stati due giorni perché il primo “erano stati ostacolati dalla neve”, anche se i filmati li mostrano tranquilli mentre camminano per strade perfettamente pulite (i famosi russi ostacolati dalla neve).

 

Nel 2010, quando l’America restituì dieci spie russe appena catturate a Washington in cambio di quattro infiltrati russi, Skripal incluso, Putin premiò con una medaglia i dieci e disse che tanto “i traditori fanno sempre una fine triste”. Adesso immaginate cosa succederebbe se il Mossad spedisse due agenti israeliani a eliminare un membro di Hamas a Salisbury vicino a Londra e immaginate ancora che i due uomini fossero incastrati dai video delle telecamere di sorveglianza e dicessero che erano stati lì per turismo. Risate globali. Immaginate cosa succederebbe se la Cia americana spedisse due agenti a eliminare un terrorista arabo a Salisbury e immaginate ancora che i due uomini fossero incastrati dai video delle telecamere di sorveglianza e dicessero che erano stati lì per la cattedrale. Imbarazzo imperituro, commissioni d’inchiesta, dimissioni, giornali di tutto il mondo che sparano ad alzo zero. La Russia, che da anni conduce un esperimento grottesco su quanto è possibile manipolare l’opinione pubblica e su quanto sono creduloni e scemi gli europei, questa volta sta esagerando.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    14 Settembre 2018 - 10:10

    Ma non è che alla Russia piaccia prenderci per scemi. Noi SIAMO effettivamente scemi! Oltre l'80% di analfabeti funzionali in Italia, volonterosamente formati dalla scuola pubblica ultrasindacalizzata, credono obbediscono e votano in base a scemenze che in un paese civile fanno solo ridere. E poi le democrazie sono deboli sotto l'aspetto della propaganda e nel breve periodo. Qui mica suicidiamo i giornalisti, e quella spazzatura che va da ByoBlu di Messora a Social TV passando per Il Falso Quotidiano può liberamente pascolare scemi a milionate. Se pensiamo che si fanno perculare dai post di un bugiardo plurisbugiardato come Di Maio.

    Report

    Rispondi

    • Carlo A. Rossi

      14 Settembre 2018 - 12:12

      Mi permetto qualche commento sparso. Lei, Valota, è la versione (per Di Maio) volgare di Branzanti (per Trump). Posto che oggigiorno purtroppo molte persone sono anestetizzate dai "social network" e altre scempiaggini, e che Di Maio un po' grullo lo è, scrivere implicitamente (neanche tanto) che quelli che votano Lega e M5S sono tutti (o quasi) dei minus habentes, dimostra inequivocabilmente che ancora Lei e molti altri non avete capito nulla della sconfitta di Berlusconi (che stimavo) e di Renzi (della cui sconfitta mi rallegro). Lei scriveva molto anche prima, quando, guarda caso, vincevano Renzi e/o Berlusconi, e non rammento simili commenti. Allora: nell'arco di cinque anni, tutti gli italiani responsabili sono stati rimpiazzati dai baccelli alieni dell'invasione degli ultracorpi voluta da Salvini e Di Maio? Invece di scrivere sempre scempiaggini incattivite da leone della tastiera, varebbe la pena indagare sulle colpe di chi ha preceduto Salvini e Di Maio, non pensa?

      Report

      Rispondi

      • guido.valota

        14 Settembre 2018 - 15:03

        Nessun baccello alieno, ma la scrematura e l'aggregazione partitica-digitale del peggio, precedentemente distribuito un po' ovunque secondo i soli criteri fisici e statistici 'prima' vigenti. Cos'è cambiato da quando lo scemo del villaggio entrava nel bar, dava del ladro a tutti i presenti, e quindi veniva buttato fuori a pedate? È cambiato che oggi ci sono un contenitore specifico e mezzi prima inesistenti per selezionare e riempirlo di quella stramaggioranza pluricertificata di analfabeti funzionali prima dispersi a sbraitare individualmente nei bar. Per quel che riguarda le Sue osservazioni su altri commentatori mi permetto di farLe presente che questo forum, pur essendo moderato severamente -e può fare il confronto con qualche clic andando a vedere sui forum del Fatto e simili, o sullla pagina FB di Di Maio per esempio, come si esprimono quelli precedentemente scalciati fuori dai bar - resta un forum tra lettori e non una riunione del ministro degli interni con i prefetti.

        Report

        Rispondi

        • Carlo A. Rossi

          16 Settembre 2018 - 15:03

          Carissimo Valota, per quanto purtroppo ora ci siano effettivamente molti più citrulli che si possono esprimere, e che su altri giornali ci sia effettivamente un filtro minore, resta una questione che Lei invece trascura: il fenomeno del "cretino da bar" non spiega comunque il fatto che i partiti tradizionali abbiano perso. O intende scrivere che prima i cretini non votassero ed ora sì? Che ci siano molti più grulli liberi di esprimersi non spiega il travaso di voti, siamo onesti. Mi rallegro che non sia una riunione con i prefetti: osservo soltanto che forse si potrebbe essere meno sprezzanti verso chi non ha le proprie idee. Poi per carità, continui a scrivere i propri insulti, se ai moderatori (molto severi ad intermittenza, mi limito a notare) così piace.

          Report

          Rispondi

Servizi