“Hamas vuole distruggerci. Ma Israele non farà le valigie”

Parla Ilan Isaacson, capo della sicurezza dei kibbutz al confine con Gaza. “Abbiamo pochi secondi per trovare riparo”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

16 Maggio 2018 alle 06:18

“Hamas vuole distruggerci. Ma Israele non farà le valigie”

Nuove violenze a Gaza per l'anniversario della Nakba (foto LaPresse)

Roma. “Mentre arrivavano le notizie da Gaza, lunedì non ho fatto altro che passare da un kibbutz all’altro a rassicurare la popolazione, e poi a spegnere incendi”. Ilan Isaacson fa un lavoro ingrato. E’ il capo della sicurezza del consiglio regionale di Eshkol, ovvero le comunità israeliane a ridosso della Striscia di Gaza. Ottocento metri separano Nahal Oz dal reticolato assaltato dai palestinesi. Oltre c’è Shejaiya, un quartiere di Gaza. Il kibbutz Nir Am durante l’ultima guerra si è svegliato...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi